Presentazione campionato 2006-07: seconda parte

Kloten Flyers: La squadra rivelazione dalla passata stagione sembra uscire indebolita dal mercato. Gli aviatori perdono il loro portiere Stephan (Dallas), che sarà rimpiazzato da Rüeger (Lugano). La domanda che tutti si pongono è se Rüeger sarà all’altezza del compito in una squadra che non ha gli stessi mezzi del Lugano. Perso anche Bartschi che ha ceduto alle sirene della capitale, ad inizio luglio, vici di corridoio, davano in partenza anche Marcel Jenni che potrebbe essere liberato dal club per abbassare la massa salariale. Il Kloten perde anche Philippe Seydux che tenterà l’avventura nel campionato finlandese (Hämmeenlinna). Sul fronte arrivi, oltre a Rüeger, da segnalare il giovane talento del Bienne Patrick Von Gunten e lo svedese Hamr dal Färjestad). La squadra sembra indebolita ma il vivaio del Kloten riserva sempre parecchi talenti che potrebbero esplodere.

Lugano: I campioni svizzeri sono la squadra più indebolita dalla campagna trasferimenti. Il Lugano vede partire i migliori tre stranieri del campionato. Nummelin va a Minnesota, Metorpolit a Tampa Bay e Peltonen in Florida. Le ottime prestazioni alle olimpiadi non hanno lasciato indifferenti gli scaut d’oltre oceano…
Il Lugano perde anche, York, Rüeger, Gerber, Guyaz, Fuchs e Bianchi. Sul fronte arrivi si segnalano Wilson (Davos) e Wallin (Färjestad) per quanto riguarda gli strarieri e Züger e T.Ramholt per quanto riguarda i giocatori svizzeri. A Lugano si attende anche di conoscere la definitiva decisione di Timo Helbling che pare intenzionato a rinonciare all’avventura nordamericana. I bianconeri dipenderanno parecchio anche dai giocatori svizzeri che sono attesi ad un contributo più "sostanzioso" nella prossima stagione.
Una delle incognite per i bianconeri riguarda il ruolo del portiere (poca esperienza) e una difesa tutta da ricostruire.
Difficilmente il Lugano potrà contrastare le corazzate del campionato e difendere il titolo conquistato la scorsa stagione.

Rapperswil/Jona Lakers: I sempre sorprendenti sangallesi hanno sostanzialmente modificato la loro formazione. La partenza di Berglund per Berna, quella di Tuulula tornato in finlandia e quella di Reid verso la NHL, sono state compensate con l’arrivo di Koivista e Nordgren. A livello svizzero, persi Rizzello (Langnau), Tobler (Servette), Parati (Ajoie), Veber (ritiro) arrivano Schrepfer (Berna), Kamber (Friborgo), Guyaz (Lugano) e Klinger (Wil). Un Rapperswil che nonostante i cambiamenti non dovebbe avere perso nel suo potenziale, anche se Berglund è una perdita enorme per la squadra. I sangallesi dovrebbero poter confermare al passata stagione.

Langnau Tigers: Come ogni stagione i tigrotti dell’emmenthal hanno terminato in rosso sia a livello di risultati che finanziariamente. Per questa stagione, il Langnau cambia tendenza lasciando partire giocatori troppo onerosi (Meier (Zugo) e Lakhmatov (Krylya Sovetov). Partono anche Kamber (Losanna), Grogg (Bienne), Larose e Moran.
Per contro arrivano nell’Emmenthal i giovani Rizzello (Rapperswil), Sutter (Davos). Si segnalano anche gli arrivi di Joggi (Bienne), Debrunner (Zurigo) e Blum (Zurigo). L’obbiettivo, come sempre sarà la qualifica ai playoffs che difficilmente i tigrotti raggiungeranno….

Zurigo Lions: Dopo la fallimentare passata stagione i leoni non possono più sbagliare. Solo un arrivo di peso, lo staniero Pavlikovsky dal MoDo oltre all’allenatore Kreis, fresco campione svizzero col Lugano. Da Zurigo per contro partono Camenzind, Karlberg, Richard, Roach, Bergeon, Blanchard e l’allenatore Tamminen. Uno Zurigo che sulla carta pare intenzionato a far valere il suo enorme tasso tecnico e che contenderà al Berna fino all’ultimo il titolo di campione. Gli Zurighesi paiono infatti una squadra altrettanto ben attrezzata di quella della capitale.

Zugo: Oltre alla dura perdita di Fischer (Phoenix), lo Zugo lascia partire giocatori che non hanno fatto la differenza la scorsa stagione. Niksala che non ha mantenuto le promesse della vigiglia passa al Färjestad, Della Rossa a Basilea, Pärsinen al Timra, Crameri a Davos. Da Davos arrivano Christen e Kress mentre da Langnau arriva Trevor Meier. Dalla Svezia è invece in arrivo Hällberg dal Färjestad. Uno Zugo che perde parecchio sotto porta e nel suo potenziale offensivo ma che dovrebbe essere in grado di difendere il suo posto tra le prime sei squadre del campionato.

Tags: