Superliga Russa – Stagione 2006/07

di Alessandro Seren Rosso

Con l’annuncio della pubblicazione dei calendari dato dal nuovo presidente della FHR Vladislav Tretiak si apre di fatto la stagione 2006/07 della Superliga russa. Il campionato di quest0anno sarà una rivoluzione rispetto all’anno passato: il nuovo presidente Tretiak, successore dell’ormai dimesso Steblin, ha infatti deciso di cambiare decisamente le carte in tavola. La novità più interessante è l’introduzione di un tetto salariale simile a quello in uso nell’NHL: gli stipendi dei giocatori più i relativi bonus non potranno superare gli undici milioni e mezzo di dollari; in questa cifra non sarà però conteggiato il giocatore più pagato della squadra.
Inoltre, come era stato più volte annunciato, continua la battaglia di Tretiak per avere una Superliga con meno stranieri: il numero dei giocatori non russi permesso in ogni partita rimane il medesimo: un massimo di tre stranieri convocabili. Entrano però in vigore delle regole che hanno fatto molto discutere. Per ogni giocatore straniero di movimento la squadra dovrà pagare una tassa di trentamila dollari, che saranno investiti dalla FHR nel settore giovanile della nazionale; per ogni portiere straniero la tassa sarà di centosessantamila dollari per questa stagione e trecentoventimila per la stagione 2007/08 mentre dalla stagione 2008/09 non sarà più permesso di ingaggiare e quindi schierare sul ghiaccio portieri stranieri. Ma la notizia che più ha fatto discutere è che ora anche i giocatori del Kazakistan, dell’Ucraina e della Bielorussia saranno considerati stranieri. Per essere esclusi dal conteggio i giocatori dovranno essere considerati eleggibili per la nazionale russa (quindi se non si è mai vestita la maglia di un’altra nazionale è sufficiente il doppio passaporto); altrimenti si deve essere in possesso di un passaporto russo e rinunciare a rappresentare la propria nazionale, scrivendo una lettera all’IIHF. Questa regola purtroppo porterà molte squadre al forzare i propri giocatori al rinunciare alla nazionale, come ha già fatto il portiere kazaco della Dinamo Eremeev alla fine di Giugno.

In questa stagione ci saranno inoltre cambiamenti anhce nella formula dei playoff e nel numero delle squadre partecipanti, che paseranno da diciotto a venti: il Molot-Prikamie Perm si è autoretrocesso per motivi finanziari e i diritti di partecipazione alla Superliga sono stati comprati dall’Amur Khabarovsk, la squadra più ad oriente tra tutte le squadre russe. Le altre due squadre che tornano in Superliga sono due formazioni ricche di tradizione: il Krylja Sovetov e il Traktor Chelyabinsk.
Con il ritorno della formula a venti squadre ogni formazione nella regular season disputerà cinquantasette partite e le prime otto qualificate disputeranno i playoff, a differenza della scorsa stagione, in cui gareggiavano le sedici squadre risultate migliori.
La regular season partirà il sette settembre, mentre la data prevista per un’ipotetica gara 5 di finale è l’11 aprile 2007. Seguiranno i campionati del mondo a Mosca e Mytischi.

Tags: