Italia, domani prima sfida salvezza con il Kazakhstan

L’Italia affronta domani il primo crocevia verso una sempre più difficile salvezza ai Mondiali Gruppo A. Sul ghiaccio della Skonto Arena, con ingaggio d’inizio ad un insolito orario mattutino, gli azzurri se la vedranno con il Kazakhstan nel primo dei tre incontri del Relegation Round, il gironcino che mette in palio due posti per la prossima rassegna iridata. Le altre due avversarie dell’Italia saranno Danimarca (sabato alle 16.15) e Slovenia (lunedì alle 16.15).
A rendere più complicato il cammino azzurro verso la salvezza ci si è messa la squalifica di Tony Iob. Nel direttorato Iihf di ieri sera l’attaccante italo-canadese nativo dell’Ontario è stato infatti squalificato per tre giornate in seguito alla rissa con l’ucraino Klymentiev avvenuta nella zona degli spogliatoi: per Iob il Mondiale di Riga può dunque considerarsi concluso. Coach Goulet deve fare inoltre i conti con i problemi fisici di John Parco (schiena), Carter Trevisani (microfrattura al pollice della mano sinistra) e Armin Helfer (risentimento all’inguine). Per il match di domani con il Kazakhstan il più a rischio sembra essere Parco, che questa mattina non si è allenato, mentre gli altri due, stringendo i denti, dovrebbero essere sul ghiaccio. Ancora in alto mare, dunque, il line-up azzurro, con i blocchi offensivi e difensivi che saranno decisi solo all’ultimo momento in base ai giocatori che lo staff tecnico avrà a disposizione.

“Sapevamo che rimanere in Gruppo A non sarebbe stato facile – commenta Michel Goulet – ora il cammino si è fatto più difficile: dal punto di vista tecnico perché dobbiamo fare risultato in almeno due partite su tre, dal punto di vista mentale perché non possiamo concentrare tutte le nostre attenzioni su un’unica partita. Rispetto al match con l’Ucraina dovremo riuscire ad essere più incisivi sottoporta: ieri la squadra mi è piaciuta sotto l’aspetto della determinazione, ma dobbiamo essere più concreti. Se avessimo sfruttato almeno un paio delle occasioni da gol avute nei primi minuti di gioco, la partita sarebbe sicuramente cambiata. Mi aspetto inoltre di più da parte di alcuni giocatori, il cui rendimento è stato inferiore rispetto ai loro standard”.
Delle tre avversarie che l’Italia dovrà affrontare nel Relegation Round, il Kazakhstan sembra sicuramente la più abbordabile. Gli ex sovietici, nei tre match disputati sino ad ora, hanno subito tre pesanti sconfitte per mano di Russia (10-1), Slovacchia (6-0) e Bielorussia (7-1), e sono la squadra con la peggior difesa (23 gol subiti) e il peggior attacco (2 reti realizzate) di tutto il torneo. Italia e Kazakhstan si sono affrontate due sole volte nella storia, e in entrambe le occasioni gli azzurri vennero sconfitti: alle Olimpiadi di Nagano del 1998 il punteggio finale fu 5-3 per i kazaki, mentre il 9 febbraio scorso a Milano, in un’amichevole di preparazione ai Giochi di Torino, l’Italia si inchinò 3-1 con rete azzurra di Margoni.

Probabili formazioni
ITALIA-KAZAKHSTAN
Riga, Skonto Arena – ore 12.15 locali (11.15 ora italiana)
ITALIA: Muzzatti (Tragust); Strazzabosco, Ramoser, Helfer, Borgatello, Trevisani, Lorenzi, Egger; Parco, De Bettin, A. Molteni, Cirone, Busillo, Margoni, De Toni, Ansoldi, Fontanive, Felicetti, Bustreo, Chelodi. Coach: Michel Goulet.
KAZAKHSTAN: Tambulov (Ogureshnikov); Mazunin, Kovalenko, Blokhin, Savenkov, Pupkov, Koledayev, Argokov; Litvinenko, Trochshinskiy, Rifel, Zhailauov, Koreshkov, Shafranov, Ogorodnikov, Pchelyakov, Samokhvalov, Zarzhitskiy, Spiridonov, Krasnoslabotsev. Coach: Nikolay Myshagin

Relegation Round

Prima giornata:
Italia-Kazakhstan
Danimarca-Slovenia

Prossime partita:
Italia-Danimarca (13 maggio, Skonto Arena – ore 16.15)
Slovenia-Italia (15 maggio, Arena Riga – ore 16.15)

MICHELE BOLOGNINI
Ufficio Stampa FISG – Settore Hockey