Italia, missione impossibile contro la Svezia

Dopo la bruciante sconfitta di misura patita nel match d’esordio contro la Svizzera, l’Italia si prepara al secondo incontro del girone di qualificazione dei Mondiali Gruppo A di Riga. L’avversario, nella partita in programma domani sera alla Skonto Arena (ore 19.15 in Italia), è decisamente di quelli da far tremare i polsi. Gli azzurri incroceranno infatti le stecche con i campioni olimpici della Svezia, nazionale che in questa rassegna iridata punta alla storica accoppiata Olimpiadi-Mondiali. Rispetto alla squadra che si è aggiudicata i Giochi di Torino sono molte le novità nel roster guidato da Bengt-Ake Gustafsson. Le rinunce di diverse stelle della Nhl hanno costretto il tecnico svedese a mettere insieme una selezione composta quasi interamente da giocatori che militano nel massimo campionato del paese scandinavo, ma il roster svedese sarà impreziosito dalla presenza di alcuni elementi di valore mondiale come Henrik Zetterberg, Michael Nylander e Mikael Samuelsson, freschi di eliminazione dai play-off della lega “pro” nord-americana.

Questa mattina gli azzurri hanno sostenuto una seduta di allenamento piuttosto intensa, nel corso della quale coach Goulet si è concentrato soprattutto sulle situazioni di superiorità e inferiorità numerica. Per domani sera sono previste alcune novità nel line-up offensivo azzurro: Andrea Molteni sarà infatti “avanzato” in seconda linea a fianco di Cirone e Busillo, mentre Margoni passerà in terza linea con Manuel De Toni e Luca Ansoldi. Il quarto blocco sarà composto da Fontanive, Chelodi e Bustreo, con Felicetti nel ruolo di tredicesimo attaccante. In porta, dopo la straordinaria prestazione contro la Svizzera, confermato Muzzatti con Tragust nel ruolo di back up.
“Abbiamo riflettuto a lungo se concedere un turno di riposo a Jason – spiega coach Michel Goulet – ma abbiamo preferito non modificare gli equilibri della squadra. Ho molta fiducia in Tragust, che considero un portiere di enorme talento e con un grande avvenire, ma non volevo che la squadra modificasse il proprio atteggiamento perché in porta c’è un giovane alla prima esperienza in un Mondiale. Non escludo, comunque, che Tragust possa subentrare a Muzzatti a partita in corso, facendo così il suo esordio”
Dal canto suo il portiere italo-canadese non sembra spaventato dal fatto di dover giocare tanti incontri in pochi giorni, ed è convinto di poter sia reggere la tensione che superare l’eventuale stanchezza: “Nella mia carriera ho giocato talmente tanti incontri anche in condizioni di grande pressione – spiega Muzzatti – che per me non cambierà nulla. Gli svedesi sono fuori dalla nostra portata, ma proprio perché non abbiamo nulla da perdere potremmo anche rischiare di strappare un punticino”.
“Contro la Svezia sarà necessario essere più veloci – spiega Goulet – e dovremo essere in grado mantenere ritmi alti e rimanere concentrati per tutti i sessanta minuti. Rispetto alla partita con la Svizzera mi aspetto che alcuni giocatori come Helfer, Strazzabosco e Borgatello si assumano più responsabilità in fase di costruzione. I nostri avversari sono decisamente più forti di noi sia tecnicamente che fisicamente, ma cercheremo di rispondere con le armi della velocità e della determinazione”.
“La sfida si presenta effettivamente impari – è il commento conclusivo dell’attaccante Stefano Margoni – ma cercheremo di onorare la maglia azzurra fino all’ultimo disco”.

Probabili formazioni
ITALIA-SVEZIA
Riga, Skonto Arena – ore 20.15 (19.15 ora italiana)
ITALIA: Muzzatti (Tragust); Helfer-Borgatello; Strazzabosco-Ramoser; Trevisani-Lorenzi; Egger; Iob-Parco-De Bettin; A. Molteni-Cirone-Busillo; Margoni-De Toni-Ansoldi; Fontanive-Chelodi-Bustreo; Felicetti. Coach: Michel Goulet.
SVEZIA: Liv (J. Holmqvist); Timander, Mag. Johansson, Hallberg, Sundin, A. Holmqvist, Jonsson; Samuelsson, Martensson, Mattsson, Nordquist, Mat. Johansson, Lundqvist, Karlsson, Melin, Emval, Hannula, Nylander, Zetterberg. Coach: Bengt-Ake Gustafsson

Girone Qualificazione – Gruppo B

Prima giornata: Svizzera-Italia 3-1
Ucraina-Svezia 2-4

Classifica: Svezia e Svizzera punti 2, Italia e Ucraina 0
Prossima partita: Italia-Ucraina (10 maggio, Skonto Arena – ore 16.15)

MICHELE BOLOGNINI
Ufficio Stampa FISG – Settore Hockey