La Superleague 2006/2007 tra salary cap e mercato

di Alessandro Seren Rosso

Sembra ormai cosa fatta nella Superleague russa l’introduzione di un salary cap in stile NHL per la stagione 2006/2007. Molto probabilmente si aggirerà intorno ai 15 milioni di dollari per squadra quindi sarà un cambiamento non da poco per certe squadre come l’Ak Bars Kazan o l’Avangard Omsk, abituate a pagare ben di più i loro fuoriclasse. Un altro cambiamento sarà la formula del campionato: si passerà a venti squadre e ci sarà una divisione tra est e ovest, ancora una volta come in NHL, sia per aumentare l’interesse del pubblico sia per diminuire un po’ il costo delle trasferte.
Inoltre stanno prendendo forma le squadre della prossima stagione: il protagonista assoluto del mercato fino ad oggi è l’Avangard Omsk. La squadra siberiana ha infatti già ingaggiato Denis Tyurin dal Metallurg Novokuznetsk, ma il colpo in canna che ufficializzerà tra poco è niente meno che il capocannoniere della regular season Sergej Mozjakin. Inoltre si vocifera che la squadra abbia già firmato un pre-contratto con Pavel Rosa, Vitalj Eremeev e Grigorij Panin, promettente difensore del Lada Togliatti. Nonostante queste clamorose operazioni però c’è il rovescio della medaglia: lasceranno infatti la squadra giocatori molto forti come Sergej Zatonski, cercato da SKA e Sibir, come Andrei Nikolishin che potrebbe tornare in NHL così come faranno Alexeev, Smirnov, Svitov e Kirill Koltsov.
L’appena nominato Sibir inoltre probabilmente ingaggerà come nuovo allenatore Gennadij Tsygurov del Traktor Cheljabinsk, mentre sempre rimanendo in tema di allenatori Petr Vorobiev si è appena accasato al Khimik Mytischi, squadra che cambierà nome il prossimo anno tramite un concorso tra i tifosi.

Tags: