H.C.J. Milano Vipers:intervista ad Andrea Molteni

Di Filippo Restelli

HOCKEYTIME:”Un commento su queste prime due partite di semifinale”

ANDREA MOLTENI:”Sono state due partite diverse, anche perché, soprattutto nei playoff, ogni partita ha una storia a sé. Vincere fuori casa, poi, e ad Alleghe in particolare, è sempre difficile. Ieri sera forse ci sono state fischiate un po’ troppe penalità, sicuramente alcune in momenti molto delicati come ad esempio il 5 contro 3 ad inizio terzo tempo o la penalità subito all’inizio dell’overtime. Tuttavia non voglio certo criticare l’arbitraggio, e poi, ripeto, su è difficile vincere. In gara 1 invece ha girato tutto bene, ed una volta sul 4 a 0 siamo stati bravi a gestire il resto della gara.”

HT:”Le quattro semifinaliste secondo te sono quelle che hanno meritato di arrivarci più delle altre?”

AM:”Credo di si, anche se forse le due grandi escluse Asiago e Bolzano avrebbero potuto esserci. Credo che siano state un po’ penalizzate dalla formula del campionato, in quanto sono state incostanti o sono comunque emerse troppo tardi, come ad esempio il Bolzano che ha fatto ottimi acquisti a stagione ormai avanzata. Altro esempio potrebbe essere il Fassa, che è uscito alla lunga distanza ma quando c’era ormai poco tempo. Tuttavia, con la riduzione dei punti del Master Round, c’era spazio per poter recuperare. Certo è una formula che non aiuta, questa. Devo dire che cambierei anche gli overtime, 10 minuti in 4 contro 4 sono spettacolari ma rischiosi.”

HT:”Il fattore campo potrà incidere?”

AM:”Certamente. Quando giochi in casa non hai il lungo viaggio e giochi su un tipo di ghiaccio che conosci bene, il ghiaccio è differente in ogni campo, e poi c’è anche il pubblico, che per noi da sempre è un grande supporto.”

HT:”Nell’altra semifinale ha già vinto il Cortina o il Renon può rimontare?”

AM:”Come dicevo, ogni partita ha storia a sé, inoltre il Renon ha fatto un gran campionato ed è una squadra che non molla mai. Pensiamo ad esempio al Lugano, che contro l’Ambrì ha rimontato da tre a zero a quattro a tre:ciò vuol dire che non bisogna mai darsi per vinti. Certo, non bisogna nemmeno commettere l’errore opposto e cioè essere sicuri di aver già vinto.”

HT:”Se dovessi fare una percentuale di passaggio del turno?”

AM:”Non sono uno che fa pronostici, so di essere conscio della nostra forza e che la possiamo fare, poi ovviamente questo è uno sport bello anche perché riserva spesso delle sorprese, quindi non si può mai dire niente fino alla sirena finale.”

HT:”Quindi non ti sbilanci neanche su chi sarà Campione d’Italia, a differenza del tuo collega Veggiato che ha pronosticato che chi vince questa semifinale vince lo scudetto?”

AM:”Esatto. Non sono nemmeno poi così convinto che chi passa vince anche lo scudetto, Cortina e Renon sono ottime squadre, in particolare noi abbiamo sofferto spesso il fattore campo del Cortina ed il nervosismo a volte creatosi contro il Renon, quindi se dovessimo passare dovremmo pensare solo a dare il massimo, tutti quanti.”

Tags: