Alleghe sul filo di lana, Cortina a un passo dalla finale

Alleghe e Cortina festeggiano in gara 2 di semifinale play-off. Gli agordini, al termine di un match poco adatto ai deboli di cuore, rimette in parità la serie con Milano imponendosi 5-4 in overtime con il gol decisivo di Lindstrom. Nell’altra semifinale i giochi sembrano invece quasi fatti: imponendosi 6-4 il Cortina si porta infatti 2-0 nella serie con il Renon, e potrebbe chiudere i conti già sabato alla Arena Ritten.

Tegola Canadese Alleghe Hockey – HC Junior Milano Vipers 5-4
(2-1; 1-2; 1-1; 1-0)
ALLEGHE: Forsberg, Moretti; Bilotto, De Biasio, Lorenzi, Marchetti, McKenna, Meneghetti, Snesrud; Bulow, Cadotte, Da Tos, L. De Toni, M. De Toni, A. Fontanive, F. Fontanive, N. Fontanive, Harder, Lindstrom, Veggiato. Coach: Mats Lusth
MILANO: Eriksson, Della Bella; Borgatello, Helfer, Joseph, Lehtonen, Peca, Sherban, Strazzabosco; Mansi, Busillo, Christie, Di Stefano, Felicetti, Lysak, M. Molteni, A. Molteni, Savoia, Tkaczuk. Coach: Adolf Insam

ARBITRI: Stella, Gastaldelli, Benvegnù
Marcatori: 1 t. 4’02” Bulow (All), 13’29” Di Stefano (Mil), 13’59” F. Fontanive (All); 2 t. 5’59” Harder (All), 17’37” Di Stefano (Mil), 18’43” Tkaczuk (Mil); 3 t. 1’35” Lindstrom (All), 8’35” Di Stefano (Mil); Ot 1’48” Lindstrom (All)
Un gol di Lindstrom in overtime regala all’Alleghe una vittoria di importanza capitale in gara 2 contro Milano. La serie tra civette e vipere è ora in parità, e si annuncia ancora lunga e combattuta. Al Milano, che non ha potuto contare sull’apporto di Chitarroni (stagione finita per lui), non è bastata la serata di grazia di uno straordinario Di Stefano, autore di tre marcature, per trovare la prima vittoria stagionale sul ghiaccio agordino. Match combattuto ed equilibrato sin dall’inizio quello andato in scena di fronte agli oltre 1.200 dell’Alvise De Toni. Vipers sempre ad inseguire, ma Alleghe che non riesce a trovare il colpo del ko. Buona partenza degli agordini che passano con Bulow al termine di una bella azione di Lindstrom e Harder. Con il passare dei minuti aumenta però la pressione meneghina, e il pareggio arriva in power-play con l’under 22 Mike Di Stefano. L’1-1 dura però appena trenta secondi, perchè un contropiede confezionato da Lino De Toni e Cadotte permette a “Bicio” Fontanive di battere Eriksson facendo esplodere il pubblico di casa. Milano spreca anche una doppia superiorità, e ad inizio secondo tempo arriva il gol che sembra spaccare la partita in due: Harder si invola in contropiede, salta Sherban, e mette a segno il 3-1. Milano si conferma però squadra cinica ed esperta, e in 70 secondi si riporta in linea di galleggiamento: prima Di Stefano, in situazione di quattro contro quattro, accorcia le distanze, quindi Tkaczuk, al termine di un insistita azione di power-play, trova il pareggio. Anche il terzo tempo regala emozioni in serie al pubblico del “De Toni”: pronti via e Lindstrom concretizza un doppio power-play agordino con Busillo e Christie a scaldare il pancone dei cattivi. La risposta dei Vipers è ancora targata Di Stefano: il giovane oriundo chiamato sigla ancora in superiorità il 4-4, e festeggia un personale quanto straordinario hat-trick. Si va all’overtime, il primo della stagione, e dopo meno di due minuti è nuovamente Lindstrom a mandare in delirio il pubblico di casa mettendo a segno il gol che decide il match.

SG Cortina Segafredo Zanetti – Ritten Sport Hockey 6-4
(3-1; 1-2; 2-1)
CORTINA: Gravel, Alberti; Ciglenecki, Bernardi, Boldo, Signoretti, Casparsson, Da Corte, Zandonella; Hammar, Hult, Gordon, De Bettin, Hellkvist, Blaha, Menardi, Grossi, Fr. Adami, Fe. Adami, Stevanoni. Coach: Rolf Nilsson
RENON: Groeneveld, Niederstätter; Hafner, Dagenais, Egger, Comploj, Gruber, Lutz, Spinell, Halkidis; Rasom, Rottensteiner, Rymsha, Bustreo, Faggioni, Stocker, Down, Ansoldi, Rochefort, Scelfo, Narcisi, Untefrauner. Coach: Ron Ivany
ARBITRI: Pianezze, De Toni, Soia
Marcatori: 4’09” Blaha (Cor), 13’23” Gruber (Rit), 16’52” Hammar (Cor), 18’15” Hult (Cor); 2 t. 2’20” Rymsha (Rit), 6’20” Da Corte (Cor), 18’49” Rochefort (Rit); 3 t. 3’45” Hellkvist (Cor), 18’40” Rymsha (Rit), 19’38” Hammar (Cor)
Cortina si aggiudica anche gara 2 della serie di semifinale contro il Renon e si guadagna la possibilità di avere tre match point a disposizione per aggiudicarsi quella vittoria che significherebbe seconda finale consecutiva per la società del presidente Moser. Match che comincia subito in salita per il Renon: gli altoatesini, giunti all’Olimpico con Narcisi (rientro dalla squalifica) ma senza Timchenko (problemi ad un ginocchio), sono subito costretti ad inseguire. Le penalità fioccano, soprattutto tra i ragazzi di Ivany, e in power-play è Blaha a sbloccare il risultato ribadendo in rete un disco non controllato da Groeneveld. La risposta dei rossoblu però non tarda ad arrivare, ed è Gruber, tanto per cambiare in superiorità, a sfruttare una piccola incertezza di Gravel. Prima del termine della frazione i padroni di casa piazzano però il break, con l’uno-due firmato da Hammar e Hult che scava un solco importante tra le due squadre. Il Renon però non molla, e ribatte colpo su colpo. Rymsha, dopo due minuti del secondo tempo, trova in power-play (quattro contro tre) la rete del 3-2, ma Da Corte con un tiraccio dalla blu ricaccia gli altoatesini a meno due. Una magia di Rochefort in chiusura di tempo riapre il match, ma tocca ad Hellkvist, servito dal sempre positivo Blaha, ristabilire le distanze. Gli ospiti hanno a disposizione la grande occasione per riaprire la partita, ma Rymsha non riesce a realizzare il penalty concesso da Pianezze per un fallo di Signoretti. Quando mancano 100 secondi alla sirena finale Gravel sposta volontariamente la gabbia: rigore inevitabile, e questa volta il “gigante buono” fa centro superando l’estremo cortinese. Renon che torna dunque in partita, ma è Hammar a chiudere i conti con l’empty net goal del definitivo 6-4 che manda il Cortina ad un passo dalla finale.

Semifinali Gara 3 – sabato 1 aprile 2006
Ritten Sport Hockey – SG Cortina Segafredo Zanetti (serie 0-2)
HC Junior Milano Vipers – Tegola Canadese Alleghe Hockey (serie 1-1)

Michele Bolognini
Ufficio Stampa Settore Hockey

Tags: