Milano e Cortina brindano in gara 1

Milano e Cortina partono con il piede giusto nelle semifinali play-off della Rbk Hockey Cup. Particolarmente importante la vittoria degli ampezzani, che hanno espugnato 5-2 il ghiaccio del Renon annullando subito agli altoatesini il vantaggio del fattore campo. Stesso punteggio di Collalbo anche all’Agorà, dove i Vipers hanno superato l’Alleghe. Gara 2, a campi ovviamente invertiti, si disputerà giovedì.

HC Junior Milano Vipers – Tegola Canadese Alleghe Hockey 5-2
(2-0; 2-0; 1-2)
MILANO: Eriksson, Della Bella; Borgatello, Helfer, Joseph, Lehtonen, Peca, Sherban, Strazzabosco; Mansi, Busillo, Chitarroni, Christie, Di Stefano, Felicetti, Lysak, M. Molteni, A. Molteni, Savoia, Tkaczuk. Coach: Adolf Insam
ALLEGHE: Forsberg, Moretti; Bilotto, De Biasio, Lorenzi, Marchetti, McKenna, Meneghetti, Snesrud; Bulow, Cadotte, Da Tos, L. De Toni, M. De Toni, A. Fontanive, F. Fontanive, N. Fontanive, Harder, Lindstrom, Veggiato. Coach: Mats Lusth
Marcatori: 1 t. 10’20” Borgatello (Mil), 14’45” Savoia (Mil); 2 t. 4’13” A. Molteni (Mil), 7’22” Christie (Mil); 3 t. 3’45” Linstrom (All), 12’27” Lysak (Mil), 15’43” M. De Toni (All)
Milano ritrova una vittoria che mancava da tre giornate e il suo spirito cinico e battagliero. E lo fa nel momento più importante, ovvero in una gara 1 di semifinale che si preannunciava quantomai ostica. Alleghe era infatti sceso all’Agorà con la ferma intenzione di portare a casa il bottino pieno, ma le civette hanno dovuto fare i conti con una formazione meneghina ottimamente disposta sul ghiaccio e capace di chiudere ogni spazio in zona neutra. I Vipers hanno sfruttato al meglio l’arma del contropiede riuscendo anche a sopperire all’assenza di una colonna come Chitarroni, costretto a dare forfait a match in corso per problemi muscolari. Il gol che dà il la alla festa rossoblu porta la firma di Borgatello in situazione di quattro contro quattro; il terzino della nazionale è imitato poco più tardi da Savoia al termine di un’azione confusa (e anche contestata) sotto la gabbia di Forsberg. Nel secondo tempo il tris del Milano porta la firma di Andrea Molteni, autore di una marcatura davvero sontuosa, quindi arriva il gol del 4-0 che chiude con largo anticipo il match. Di Stefano finisce in panca puniti, e con l’uomo in meno Christie ha la possibilità di involarsi in contropiede solitario e battere l’estremo alleghese. Si scaldano anche gli animi, ma Colcuc riesce a tenere in pugno il match distribuendo penalità da una parte e dall’altra. Gli ospiti abbozzano ancora una reazione in avvio di terzo parziale con il gol di Lindstrom, ma non c’è più tempo per recuperare tre gol a questo Milano. Ad arrotondare il punteggio ci pensano Lysak e Manuel De Toni, che mettono a segno le marcature del 5-2 finale.

Ritten Sport Hockey – SG Cortina Segafredo Zanetti 2-5
(0-2; 2-2; 0-1)
RENON: Groeneveld, Niederstätter; Hafner, Dagenais, Egger, Comploj, Ploner, Lutz, Spinell, Dagenais; Rasom, Timchenko, Rottensteiner, Rymsha, Bustreo, Faggioni, Stocker, Down, Ansoldi, Rochefort, Scelfo. Coach: Ron Ivany
CORTINA: Gravel, Alberti; Ciglenecki, Bernardi, Boldo, Signoretti, Casparsson, Da Corte, Zandonella; Hammar, Hult, Gordon, De Bettin, Hellkvist, Blaha, Menardi, Grossi, Fr. Adami, Fe. Adami, Stevanoni. Coach: Rolf Nilsson
Marcatori: 1 t. 1’02” Hellkvist (Cor), 13’58” Blaha (Cor); 2 t. 3’45” Rymsha (Rit), 9’57” Halkidis (Rit), 16’37” Signoretti (Cor), 19’16” Hammar (Cor); 3 t. 2’49” Blaha (Cor)
Cortina espugna per la prima volta in questa stagione l’Arena Ritten di Collalbo, mettendo un mattone importantissimo nella strada verso la seconda finale consecutiva. Grazie al 5-2 maturato questa sera gli ampezzani tolgono infatti al Renon il vantaggio del fattore campo nella serie, e lo costringono a dover vincere in trasferta per non vedere già compromessa questa serie di semifinale. Cortina recupera l’acciaccato Ciglenecki e si presenta al gran completo, tra i padroni di casa c’è l’esordio di Gruber, proveniente dal farm-team Merano. Non c’è lo squalificato Narcisi, mentre Halkidis (problemi ad una spalla) è inserito a roster ma, almeno nel primo tempo, non viene schierato da coach Ivany. Partenza con il freno a mano tirato per il Renon, che si fa imbrigliare dal sistema di gioco dei ragazzi di Nilsson, e va sotto di due reti: segnano Hellkvist dopo 62 secondi e Blaha (in power-play) che sfrutta un rebound su tiro di Casparsson. Il muro innalzato dall’ottimo Gravel davanti alla propria porta viene scalfito dal gol di Rymsha in apertura di secondo tempo, e gli altoatesini alzano il ritmo. De Bettin si “mangia” il gol dell’1-3, e poco dopo tocca proprio ad Halkidis (cambi regolari a partire dalla seconda frazione) trovare in superiorità numerica la rete del 2-2. Il Cortina ha però il killer istinct, e “uccide” il match con tre marcature a cavallo tra secondo e terzo tempo: le reti di Signoretti, Hammar e ancora Blaha mettono il Renon in ginocchio, e mandano in delirio il centinaio di tifosi ampezzani saliti a Collalbo.

Semifinali Gara 2 – giovedì 30 marzo 2006
SG Cortina Segafredo Zanetti – Ritten Sport Hockey (serie 1-0)
Tegola Canadese Alleghe Hockey – HC Junior Milano Vipers (serie 0-1)

Michele Bolognini
Ufficio Stampa Settore Hockey

Tags: