Playoffs quarti di finale: Liberec sconfitto due volte, Slavia a fatica

di Davide:

si aprono all’insegna dello spettacolo e delle sorprese i playoffs di Extraliga. Le sorprese, per dire il vero, arrivano tutte da Liberec, dove i padroni di casa, vincitori della regular season, vengono sconfitti due volte in casa da un cinico Ceske Budejovice.
In gara uno gli ospiti rimontano il vantaggio iniziale di Sachl con Zdenek Kutlak e Tomas Harant, ma la gara vede protagonisti soprattutto i due goalie: dapprima l’esperto Roman Turek viene travolto da Angel Krstev, ma dopo qualche minuto riprende il suo posto in gabbia, molto peggio va invece al collega Milan Hnilicka, protagonista ai recenti giochi di Torino, che abbandona definitivamente al minuto 14 per un problema all’anca: per lui campionato finito e contraccolpo psicologico notevole per la squadra, nonstante il back up Pavel Falta, 31 anni e una vita al Liberec, non demeriti, anzi salvi la squadra con eccellenti parate. Ma la differenza di classe tra i pali si materializza negli ultimi 10 minuti: al 50esimo i tifosi di casa stanno già festeggiando il 2-1 di Stanislav Prochazka, ma Turek con una parata fantastica strozza l’urlo in gola. Passano otto minuti e dall’altra parte Falta non ci arriva sulla deviazione volante di Tomas Harant che regala la vittoria agli ospiti.

In gara due invece la vittoria del Ceske Budejovice è più netta e ancora in rimonta, dopo il vantaggio iniziale di Andrej Podkonicky, segno evidente di una fragilità psicologica delle "tigri", che ora sono chiamate all’impresa fuori casa per riportare la serie in parità.

Nell’altro quarto grande spettacolo a Praga dove un Trinec senza timori riverenziali, e con poco da perdere, sciupa per due volte il doppio vantaggio. In gara uno addirittura è 0-2 per gli ospiti dopo mezz’ora, prima della rabbiosa rimonta dello Slavia, raggiunto poi sul 3-3, prima di trovare le reti decisive con Beranek e Kopecky. Grande prova del goalie Radovan Biegl, 52 saves.

Gara due rispecchia l’andamento della prima, 0-2 subito per il Trinec e incapacità di gestire il risultato, merito ovviamente anche del devastante attacco dello Slvia, a segno sette volte, nonstante un’ altra grande prova di Biegl. Nel finale una rissa tra Zizka,Frolo e Vytisk rovina un po’ una bella gara. 2-0 per lo Slavia come da pronostico, ma Trinec che ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per impegnare i praghesi.