Val Pusteria – Cortina: il commento

di Ivan:

HC Valpusteria – HC Cortina 0 – 3 ( 0-3; 0-0; 0-0)

Nella 37° giornata davanti ai soliti fedelissimi centinaio di tifosi al Lungorienza scendono sul ghiaccio le due formazioni sicuramente attualmente meno in forma del campionato, anche se c’è da dire che il Cortina è sicuramente molto meno in crisi del Valpusteria.
Nessuno assente fra le due compagini, dato che anche Ghordon è regolarmente in campo, fatta eccezione per i tagliati De Rouville del Valpusteria e di Tuzzolino del Cortina.
C’è subito da dire che la partita si conclude già dopo 20 minuti, dove il Cortina va a segno per ben tre volte. I primi dieci minuti sono abbastanza equilibrati, con entrambe le formazioni non molto concrete in zona offensiva. Unica eccezioni è l’azione del vantaggio cortinese, frutto di un rebound vincente di Adami, che è lesto a ribadire in gol una corta respinte del portiere pusterese. Al 12° il Valpusteria ha la possibilità di andare al pareggio grazie ad una superiorità numerica, ma invece arriva il raddoppio cortinese. Il Valpusteria pasticcia in modo incredibile regalando il disco al Cortina e andando a cambiare la linea proprio quando Da Corte vede liberissimo sulla blu Hammar, che può andarsene solissimo verso la porta pusterese e non lascia scampo ad un incolpevole Baur. E’ notte fonda per il Valpusteria, che ad un minuto e mezzo dalla fine del periodo subisce anche il 3 a 0 su una deviazione al volo (fallo di bastone alto non visto dall’arbitro Moschen) di Hult su tiro dalla blu di Hammar. Il Valpusteria insieme ai propri tifosi protesta veemente, ma Moschen non cambia la sua decisione. C’è ancora da annottare la penalità partita ai danni di Max Oberrauch, reo di aver insultato l’arbitro ( spruzzandoli l’acqua dalla borraccia quando già era in panca puniti) , che gli ha fischiato un fallo su una carica in balaustra.

Per il 2° e 3° non c’è molto da dire, dato che il Cortina gioca la sua partitella in modo confortevolo contro un Valpusteria senza idee, senza voglia di combattere e con enormi lacune difensive. Unica nota positiva in casa pusterese è la bella prestazione del giovane portiere Baur, che è riuscito a limitare i danni ad un Valpusteria che va incontro ad un fine stagione sempre più deficitario.