Anticipi e posticipi: sù il Davos, giù lo Zurigo

di Oltre

In un ipotetico borsino delle quotazioni delle squadre, lo Zurigo sarebbe stato fermato dopo la prestazione di stasera per eccesso di ribasso, mentre il Davos avrebbe concluso la giornata con un’ottima progressione. Questo fuor di metafora per dire che i vicecampioni svizzeri sono andati in contro all’ennesima sconfitta di una stagione tribolata, mentre i grigionesi con la netta vittoria sullo Zugo si ripropongono come squadra da vertice. Ma scendiamo nel dettaglio:

Zurigo-Rapperswil/Jona Lakers 3-6 (1-3;0-2;2-1)

0-1 03:26 Stacy Roest
0-2 10:33 Brandon Reid
0-3 12:26 Cyrill Geyer
1-3 19:26 Mikael Karlberg
1-4 26:44 Stacy Roest
1-5 29:46 Stacy Roest
2-5 51:24 Mikael Karlberg
3-5 55:48 Claudio Moggi
3-6 59:18 Christian Berglund

Cambiano gli avversari ma le prestazioni dello ZSC non migliorano ed ora la situazione si fa davvero delicata. Anche questa sera la formazione di Gruth ha mostrato tutte le proprie pecche, andando sotto di 3 reti in soli 12 minuti e "autochiudendo" così la partita. Non è bastata poi la doppietta dell’ottimo Karlberg a riaprire i giochi e per lo Zurigo adesso è davvero notte fonda. O la squadra incomincierà a reagire, oppure lo spettro dei playout incomincierà a materializzarsi e sarebbe davvero una sorpresa incredibile per una squadra partita coi favori del pronostico. La mia opinione? A questo Zurigo manca il grande capitano (ora in nord-america) Streit, e questa assenza, sia sul ghiaccio sia a livello di spogliatoio, si sta rivelando fondamentale.

Davos-Zugo 6-1 (2-0;1-1;3-0)

1-0 04:34 Michel Riesen
2-0 08:48 Shane Willis
2-1 22:00 Raphael Diaz
3-1 33:14 Björn Christen
4-1 45:03 Andres Ambühl
5-1 45:28 Reto Von Arx
6-1 48:19 Michel Riesen

Dopo la grande vittoria alla Resega, il Davos conferma di essere in un ottimo periodo di forma ingliggendo una sonora battuta d’arresto anche allo Zugo. Partita mai in discussione, con i campioni svizzeri saldamente in controllo del match. Tra i migliori dei grigionesi Von Arx e Riesen, quest’ultimo autore anche di una doppietta. Zugo invece che alterna ottime prestazioni a partite da dimenticare, il potenziale per far bene sicuramente c’è, ma la squadra accusa grosse difficoltà ad esprimere il proprio gioco sopratutto lontano dalla Herti. In trasferta infatti, analizzando la stagione degli svizzero-centrali, la formazione di Sean Simpson ha spesso e volentieri deluso, ed è che quì che si dovrà lavorare in ottica playoff.

Tags: