22. giornata: Impresa dell’Ambri cade ancora lo Zurigo

Il risultato più clamoroso della 22 giornata è la netta vittoria dei leventinesi a Davos. sotto di 2 reti nel secondo periodo i biancoblù si sono imposti per 9-4. Il Lugano digerisce male il nuovo regolamento ma batte comunque il Rapperswil, il Kloten impatta a Basilea. Il Berna vince il derby mettendo fine alla serie positiva del Friborgo e lo Zugo batte sonoramente lo Zurigo che non riesce ad uscire dalla crisi.

Davos-Ambri Piotta 4-9 (2-2;2-1;0-6)

0-1 05:51 Jean-Guy Trudel
1-1 09:16 Shane Willis
1-2 13:43 Alain Demuth
2-2 16:40 Brett Hauer
3-2 23:35 Reto Von Arx
4-2 31:57 Reto Von Arx
4-3 34:50 Alain Demuth
4-4 41:25 Tomas Kucharcik
4-5 43:39 Jean-Guy Trudel
4-6 45:51 Jean-Guy Trudel
4-7 47:52 Benoit Pont
4-8 53:34 Tomas Kucharcik
4-9 59:19 Hnat Domenichelli

Con un terzo periodo spettacolare i biancoblù escono vincenti anche dallo scontro contro il Davos. Partita piacevole quella della Eishalle che ha visto i leventinesi approfittare delle numerose penalità inflitte ai padroni di casa. Ottimo il debutto del neo acquisto Kucharcik mentre da segnalare l’infortunio a Korhonen. Il calendario non prometteva nulla di buono per i leventinesi dopo la sconfitta casalinga contro il Friborgo, invece la compagine della leventina riesce sempre a sorprendere i suoi tifosi. Sei punti nelle tre uscite contro Zugo, Zurigo e Davos (4 dei quali in trasferta). Chi l’avrebbe mai pensato?

Zugo-Zurigo Lions 7-4 (3-2;3-1;1-1)

1-0 00:35 Oleg Petrov
1-1 01:17 Mathias Seger
1-2 11:26 Mike Richard
2-2 12:46 Patric Della Rossa
3-2 14:36 Barry Richter
4-2 24:47 Patrick Fischer
5-2 27:03 Oleg Petrov
5-3 31:02 Jan Alston
6-3 35:55 Patrick Fischer
6-4 41:14 Adrian Wichser
7-4 53:18 Timo Pärssinen

Numerose le penalità anchea a Zugo dove i padroni di casa riescono ad interrompere la loro striscia di sconfitte rimandando a casa lo Zurigo ancora una volta senza punti. Allungo decisivo dello Zugo all’inizio del periodo centrale e poi partita controllata senza particolari patemi d’animo dai padroni di casa. Per lo Zurigo è sempre più crisi e la linea dell’ottavo posto sempre più vicina.

Basilea-Kloten Flyers 3-3 dts (1-1;1-0;1-2)

1-0 04:43 Stefan Voegele
1-1 08:10 Emanuel Peter
2-1 37:40 Niklas Anger
2-2 42:14 Emanuel Peter
2-3 47:51 Aris Brimanis
3-3 57:19 Stefan Voegele

Il Basilea ferma il Kloten e sembra tornare ai livelli di inizio stagione anche se la strada per i playoffs è ancora lunga. Anche qui da segnalare le numerose penalità finschiate dall’arbitro (4 minori nei primi 3 minuti di gioco).

Friborgo Gottéron-Berna 3-6 (2-3;0-0;1-3)

0-1 05:28 Eric Perrin
1-1 07:59 Julien Sprunger
1-2 11:15 André Rötheli
1-3 15:37 Ivo Rüthemann
2-3 17:14 Geoffrey Vauclair
2-4 43:20 Marc Reichert
2-5 48:05 Christian Dubé
3-5 58:58 Josh Holden
3-6 59:40 Sébastien Bordeleau

Si interrompe nel derby contro il Berna la serie positiva del Friborgo. Nulla da fare per i burgundi nella sfida contro gli orsi della capitale dimostratisi superiori dotto ogni aspetto ai padroni di casa. Avvantaggiati anche dal fatto che avevano conosciuto la sera precedente il nuovo regolamento, i bernesi hanno giocato una buona partita sutto il profilo disciplinare e i loro veloci attaccanti hanno approfittato delle numerose situazioni di power play. Un Friborgo che nonostante tutto è rimasto a lungo in partita dimostrando di avere trovato un buon assetto di gioco, ma questo Berna è veramente troppo solido per il Friborgo di questa sera.

Lugano-Rapperswil/Jona Lakers 4-2 (1-0;1-1;2-1)

1-0 01:25 Jukka Hentunen
2-0 23:34 Kevin Romy
2-1 29:29 Claudio Micheli
2-2 42:19 Jeff Panzer
3-2 43:44 Sebastien Reuille
4-2 57:14 Kevin Romy

Anche questa partita ha visto le squadre disorientate dal nuovo regolamento. Si apre comunque con una stupenda rete di Hentunen che toglie le ragnatele dall’angolino alla sinistra del portiere avversario quando tutti si attendevano un passaggio. Il Lugano, falcidiato da innumerevoli infortuni, non sembra risentire delle assenze e domina gli avversari senza tuttavia riuscire a chiudere l’incontro se non a tre minuti dalla fine con la seconda rete personale di Romy.

Tags: