Frankfurt, che succede? – Ecatombe di portieri ad Amburgo

di Davide:

Due vittorie agli shootouts e tre sconfitte nelle ultime cinque gare: con questo magro bilancio i Lions sono stati risucchiati nella pancia della classifica, lontani ben 12 punti dalla vetta, dove Ingolstadt continua a marciare deciso, espugnando anche la pista dei campioni di Berlino.

Kassel Huskies – Frankfurt Lions 3-2 (0-0,2-2,1-0)
0:1 23:14 D.Norris (M.Reichel – J.Young)
1:1 29:44 R.Kraft (C.Nielsen – J.Ulmer)
2:1 30:21 M.Hlinka (M.Sychra – D.Clarke)
2:2 38:43 M.Reichel (J.Patrick – J.Young)PP1
3:2 59:58 D.Bannister (J.Harney)PP1

uno spettacolare goal del difensore canadese Drew Bannister a due secondi dalla fine – un tiro fulminante dalla linea rossa (!) in power play – condanna i Lions, che hanno dominato la gara, ad una sconfitta sulla pista dell’ultima in classifica. Dopo un primo periodo chiuso sul parziale di 3 tiri in porta a 14 per i Lions, che nell’azione più pericolosa colpiscono un palo con Jason Young, è Dwayne Norris ad aprire lo score con una bella conclusione su passaggio di Young. Poco dopo Patrick Boileau cade male sul ghiaccio battendo la testa e rimanendo incosciente per alcuni minuti, prima di essere portato via in barella. I Lions rimangono disorientati e Kassel ne approfitta per segnare due reti in 37 secondi con uno slap di Ryan Kraft e una bella azione di Hlinka che deposita il disco in rete dopo aver saltato il goalie Gordon. E’ rabbiosa la reazione di Francoforte, che pareggia in superiorità con un tiro di James Patrick che passa nel traffico davanti alla gabbia di Kassel.Quando tutti aspettano gli shootouts arriva il già raccontato goal di Bannister.

Iserlohn Roosters – Nürnberg Ice Tigers 2-3(0-0,2-1,0-2)
1:0 27:39 R.Intranuovo (N.Antons – V.Aab)
2:0 29:44 M.Greig (B.Purdie – M.Knold)PP1
2:1 34:24 M.Periard (C.Beardsmore)PP1
2:2 47:42 C.Laflamme (G.Leeb – R.Döme)PP1
2:3 51:08 F.Methot (S.Schauer – C.Beardsmore)

vittoria in rimonta di Norimberga grazie soprattutto ad una dilettantesca distrazione difensiva di Iserlohn che lascia completamente da solo Christian Laflamme in occasione della rete del 2-2. Nel resto del match si è registrato un sostanziale equilibrio e un gioco piuttosto mediocre.

EV Duisburg Die Füchse – Adler Mannheim 3-2 (1-1,2-0,0-1)
0:1 08:39 F.Carciola (L.Bohonos – S.Kelly)
1:1 13:44 M.Henrich (R.Francz)
2:1 24:27 M.Puhakka (P.Kujala – A.Teljukin)
3:1 34:16 S.Robitaille (S.McNeil – F.Groleau)
3:2 54:13 J.Tripp (D.Edgerton)

dopo Francoforte, anche un ’altra big, gli Adler Mannheim, cade al cospetto della matrivcola Duisburg, che sembra aver superato quei problemi di concentrazione e tenuta mentale che nei turni scorsi sono costati ai "lupi" un buon numero di punti.
Subito lo 0-1 da Fabio Carciola, bravo a raccogliere un passaggio dall’angolo e segnare saltando il portiere, Duisburg pareggia con una rete in caduta di Michael Henrich e va in vantaggio con un contropiede tutto finnico Petri Kujala – Mika Puhakka con tiro vincente di quest’ultimo. In un secondo periodo dominato dai padroni di casa (21-5 i tiri) c’è spazio anche per il 3-1 di Stéphane Robitaille che chiama all’uscita il goalie Ilpo Kauhanen e lo batte con precisione. Mannheim gioca meglio nell’ultimo drittel ma produce solo il 3-2 con un tiro dall’angolo di John Tripp.

Augsburger Panther – Hannover Scorpions 1-4 (0-1,1-0,0-3)
0:1 11:12 T.Dolak (M.Green – A.Reiss)
1:1 20:30 B.Yarema (J.Filipowicz – C.Eklund)
1:2 40:33 T.Warriner (A.Morczinietz – R.Hock)PP1
1:3 42:14 R.Hock (P.Köppchen – S.Goc)PP1
1:4 44:32 S.Goulla (M.Green) SH1

non poteva esserci medicina migliore del disgraziato Augsburger di questi tempi per fart tornare alla vittoria Hannover, reduce da 4 sconfitte. Un facile 1-4 che spedisce i Panther in fondo alla classifica.

Krefeld Pinguine – Hamburg Freezers 2-1SO (0-1,0-0,1-0,1-0)
0:1 13:28 P.Manning (M.Walter)
1:1 49:19 I.Jan (T.Drury – A.Hedlund)
Penalty 2:1 60:10 Krefeld Pinguine T.Drury

sesta vittoria nelle ultime sette partite per Krefeld, ma quanta fatica per dominare un Amburgo che perde in un colpo solo due portieri: all’assenza dell’infortunato titolare Boris Rousson – rottura dei legamenti nell’ultimo match contro Duisburg e assenza di almeno sei mesi – si è aggiunta quella del back-up Steffen Karg, uscito alla fine del primo periodo con uno strappo al inguine: per lui almeno sei dsettimane di stop. A questi si aggiunge anche un altro serio infortunio, quello dell’attaccante Christian Hommel, anch’egli fuori almeno due mesi per problenmi al ginocchio. In questo panorama la sconfitta agli shootout vale per Amburgo come una vittoria. I Freezers si erano addirittura portati in vantaggio con un tiro dalla blu di Paul Manning. Nel secondo periodo la squadra fa quadrato davanti all’esordiente assoluto Tobias Güttner, 23 anni, l’anno scorso in Oberliga con Höchstädter e resiste agli assalti dei padroni di casa, anzi è Robert Müller a compiere le parate più difficili.
Nell’ultimo periodo ci vuole una magia dello sloveno Ivo Jan per pareggiare: disco raccolto dietro la scvhiena, fatto passare davanti a sè, dribbling sul portiere e rete da applausi. Agli shootouts segnano Jeff Ulmer e Francois Fortier per Amburgo, ma sono ben tre i rigori trasformati da Krefeld, con Robert Guillet, Herberts Vasiljevs e Ted Drury.

Eisbären Berlin – ERC Ingolstadt 2-3 (1-1,1-1,0-1)
0:1 01:40 F.Keller(C.Armstrong – J.Holland)PP1
1:1 14:06 M.Beaufait (K.Fairchild – S. Felski)PP1
2:1 30:05 S.Felski (K.Fairchild – D.Walser)PP1
2:2 30:44 G.Oswald (G.Goodall – C.Melischko)
2:3 45:10 R.Valicevic (J.Holland – C.Armstrong)

serata di esordi a Berlino, debuttano il canadese in prova Patrick Jarrett e il goalie Tomas Popperle, quest’ultimo molto atteso ed autore di una buona prova, 31 saves.
E’stata una partita molto bella, fra due squadre che sicuramente saranno protagoniste fino alla fine: passano per primi gli ospiti con Florian Keller a correggere un tiro dalla blu di Armstrong; pareggia Berlino, sempre in superiorità con una bella intuizione di Kelly Fairchild che, da dietro la gabbia pesca Beaufait, lesto a battere Jimmie Waite. Nel secondo periodo lo stesso Waite compie due grandi parate, prima di arrendersi a Sven Felski, che ribatte in rete un tiro di Fairchild. Dopo il 2-2 di Günter Oswald, con cui si chiude il tempo, è ancora una superiorità a decidere il match: fuori Richard Mueller, è Jason Holland a concludere in porta, Popperle non trattiene ma si supera sui tentativi di tap-in di Doug Ast e Jakub Ficenec, mentre non può nulla sul terzo tentativo di Rob Valicevic che dà a Ingolstadt una importantissima vittoria.

Tags: ,