Russian Superleague 2005/2006 – ventesima giornata

di Alessandro Seren Rosso

Anche la ventesima giornata si è svolta nel segno di Evgeny Malkin! Il Metallurg ha vinto in casa contro l’altro Metallurg, quello di Novokuznetsk, per 2-1 con il gol vittoria ovviamente firmato da Zhenya. E’ ormai consuetudine per gli spettatori spellarsi le mani per applaudire le meravigliose giocate dell’idolo di casa! Ieri tuttavia ha segnato un gol più "normale" del solito: in situazione di superiorità numerica, lascia partire un tiro dalla blu ribattuto da Batkov; Nurtdinov raccoglie la respinta e serve di nuovo Malkin, che insacca dal cerchio d’ingaggio destro. Ottima prova tra i pali per Simchuk, che ha consentito a Scott un turno di riposo.
Con questa vittoria il Metallurg si porta a quota 45 punti, contro i 40 dell’Avangard Omsk. Quest’ultima si è battuta in casa contro il CSKA Mosca, in un periodo di ottima forma. Dopo soltanto un minuto l’Avangard passa avanti: il disco viene buttato davanti alla porta e, dopo qualche attimo di confusione, finisce in rete; l’ultimo giocatore ad averlo toccato è stato Kirill Koltsov, ma l’azione è stata molto confusa. A metà del primo tempo il CSKA pareggia i conti con Krivokrasov, bravo a sorprendere Eremenko da posizione defilata sulla destra. Dopo tre minuti però l’Avangard riprende il vantaggio: il CSKA pasticcia in zona neutra, così l’ex Tampa Bay Alexeev recupera il disco e si invola verso Skudra, fulminandolo con un wrister di precisione dalla destra. Il CSKA a questo punto tira i remi in barca e l’Avangard allunga ancora, con un’azione da manuale dell’hockey: Yachmenev scende sulla destra e serve con un cross-ice pass Kalyuzhny, che vede l’arrivo a rimorchio di Guskov, che dallo slot insacca con un tiro al volo! La partita tecnicamente finisce qui, anche se a tre secondi dalla fine Lemtyugonov converte in rete un passaggio di Kudashov, rendendo il passivo meno pesante: 3-2 il risultato finale, anche se l’Avangard avrebbe probabilmente meritato un vantaggio più ampio.

Terzo posto in classifica per la Dynamo che, dopo due bastonate consecutive subite dal Metallurg, torna alla vittoria in casa contro un modesto Sibir. La partita si chiude 4-1, con l’ultimo gol segnato addirittura al ventinovesimo minuto di gioco. Krikunov ha potuto così concedere qualche minuto di ghiaccio in più ai suoi giovani, Shitikov su tutti.
Al quarto posto troviamo il CSKA, a quota 35, seguito da vicino dal Lokomotiv, che è a 34 e che ieri è stato fermato sul 2-2 da una grande prestazione di Lamothe per il Severstal Cherepovets.
Sesto in classifica l’Ak Bars Kazan, che ha pareggiato nel posticipo a Nizhnekamsk per 3-3 con i locali del Neftekhimik; pareggio che sta stretto alla squadra tartara, che però ha peccato nel gioco difensivo.
Settimo e ottavo posto rispettivamente per Kazan Lada Togliatti e SKA San Pietroburgo. Il Lada ha vinto contro il Vityaz in trasferta per 1-0, con un’altra grande prova di Koshechkin, al quarto shutout in sette partite. L’SKA invece batte lo Spartak Mosca 2-0 con una doppietta di Akifiev e primo shutout stagionale per il back-up Shabanov.
Nona piazza per Spartak e Khimik, a quota 28 punti. Del primo abbiamo appena parlato, mentre il secondo ha battuto il Molot-Prikamie Perm per 4-3, aiutandosi con un supplementare. Gol vittoria siglato dal difensore ceco Hejda, alla seconda marcatura stagionale.
Seguono in classifica con 27 punti il Severstal Cherepovets, che ha pareggiato in casa contro il Lokomotiv, e il Salavat Yulaev Ufa, che espugna lo Jubilejnij di Tver con risultato finale di 3-1.
Chiudono la classifica il Sibir con 22 punti, Neftekhimik e Metallurg Novokuznetsk fermi a quota 21, Vityaz e Molot appaiati a 13 punti.
Capocannoniere del torneo è ancora Sergej Mozyakin con 22 punti, mentre la classifica dei gol vede in testa Evgeny Malkin con 10 marcature in 19 gare.
Come di consueto, chiudiamo con il mercato: l’Ak Bars Kazan ha rescisso il contratto dell’americano Jeff Hamilton, che in 8 partite giocate con la squadra tartara non ha messo a segno nemmeno un punto. Il Kazan resta così con un posto libero per uno straniero, che probabilmente verrà ingaggiato nell’imminente finestra di mercato di inizio novembre.
Inoltre il ventenne Zhukov ha deciso di tornare in Svezia a causa dello scarso impiego. Per lui in questa stagione, 16 partite giocate, 6 assist, 6 minuti di penalità e un +/- pari a -4.

Tags: