Dopopartita Bolzano-Milano: intervista a Kiki Timpone

Hockeytime: Questa sera è stata giocata da entrambe le squadre una brutta partita…
Christian Timpone: Sì, una partita che è terminata con il gol del Milano.

HT: Al Bolzano manca ancora un po’ di gioco. Non si riesce a trovare il bandolo della matassa.
CT: Purtroppo in questo momento stanno parlando i risultati, quindi anche la concetrazione e il morale non è dei migliori. Non ci riesce niente, di conseguenza non riusciamo a giocare come a inizio stagione. Speriamo di compattarci un attimo, abbiamo avuto il rinforzo con Zamuner che è un centro solido e di migliorare il power play, perché stasera abbiamo avuto delle occasioni che non abbiamo sfruttato. Dobbiamo lavorare su questi aspetti, perché il penalty killing lo giochiamo bene, ma non concretizziamo, non solo stasera, ma in generale.

HT: Il power play è un punto…

CT: …è un punto dolente, perché se vai a guardare le statistiche nel power play siamo abbastanza negativi, comunque, penso ci sia ancora tempo per recuperare e abbiamo margini di miglioramento. I giocatori ci sono e abbiamo tutti la volontà di far bene.

HT: Cosa ne pensi di questo campionato un po’ strano con squadre come Val Pusteria e Ritten Sport nelle prime posizioni?
CT: Sì, magari perché loro sono più concentrate delle prime; partono compatte, comunque, sono squadre che non fanno gioco, ma cercano solo di spezzarlo e quindi è più facile giocare così, invece quando devono fare la partita, si vedono anche dai risultati che è un po’ diverso.

Si ringrazia Christian Timpone e l’Hockey Club Bolzano per la disponibilità.