Le gare del weekend: percorso netto per Tappara e HPK, sprofonda lo Jokerit

di Davide:

campionato che si preannuncia davvero interessante quest’anno in Finlandia. Pochi turni sono naturalmente insufficienti per stilare giudizi, ma sicuramente in questo primo scorcio conquistano la palma di squadre del momento due outsider: HPK e Tappara, ancora a punteggio pieno dopo cinque turni.
Il team di Hämeenlinna era chiamato alla prova più difficile, la sfida casalinga con i campioni del Karpat: esame superato a pieni voti: sotto di una rete (a segno Kalle Sahlstedt per gli ermellini), gli arancio-neri hanno pareggiato con Jukka Voutilainen in superiorità numerica e poi piazzato il punto del 2-1 finale nell’ultimo periodo addirittura in inferiorità, con Veli-Pekka Laitinen.
Più facile solo sulla carta l’impegno del Tappara: la partita in casa con il Lukko si presentava infatti piena di insidie per la tignosità degli avversari e infatti così è stato: c’è voluto un lampo dell’esperto Teemu Laine nel periodo di mezzo per decidere una gara in cui i protagonisti sono stati i due goalies Lehto e Langkow. L’1-0 finale fotografa bene un sostanziale equilibrio, rotto solo dalla rete di Laine.

Appenlla SM-Liiga, avanzano i Blues, che hanno però una gara in più. In grande evidenza tra i bianco-blu Ladislav Kohn e Mikko Lehtonen in questo inizio molto arrembante.
Continua a gravitare nella parte alta un’altra sorpresa: l’Assat Pori del capocannoniere Marko Kivenmäki, decisivo anche nella vittoria agli shootout contro un TPS che, seppure ancora in convalescenza, dà timidi segni di ripresa.
Elettrocardiogramma piatto, invece, per lo Jokerit che continua il suo calvario: le due sconfitte di venerdì (1-4 in casa contro l’Ilves) e domenica nel posticipo contro i Blues (1-2) significano un clamoroso ultimo posto in classifica, ma soprattutto una fragilità di squadra davvero imbarazzante. Martedì sera arriva il neo-promosso KalPa: sarà l’ultima chiamata per coach Immonen?