6a – 7a giornata: weekend nero per lo Sparta

di Davide:

il doppio turno di campionato, giocatosi tra venerdì e domenica, ha proposto come tema principale la doppia caduta dello Sparta Praha, fino ad ora imbattuto. Lo stop più imprevisto è stata la sconfitta di venerdì sera a Trinec (5-4) in una partita spettacolare nella quale la squadra di casa ha tirato fuori dal cilindro una prestazione sopra le righe. Attaccanti scatenati (41 a 40 le conclusioni a rete), portieri paratutto e gioco quasi mai interrotto (pochissime le penalità): questi gli ingredienti di una grande serata di hockey, conclusasi nel migliore dei modi per i tifosi di casa.
Domenica invece i riflettori erano puntati su Pardubice, dove i padroni di casa hanno strapazzato i praghesi, con tutta la linea di attacco in grande evidenza ed un 5-2 finale che non ammette repliche.
Il doppio passo falso risucchia i granata nella pancia della classifica, da cui emerge un sorprendente Kladno, che approfitta al meglio di un doppio turno facile vincendo a Vsetin (4-1) e in casa col Litvinov (ancora 4-1) ed andando a segno sempre con uomini diversi, segno di una buona condizione generale. Risale come una formichina anche lo Zlin, che pareggia a Ceske Budejovice (1-1) e vince 3-1 con il Karlovy Vary, confermando la produttività della spina dorsale Richard Kral – Martin Hamrlik.

Ma al di sopra di queste squadre che sgomitano per ottenere un posto al sole, continua la marcia dello Slavia, che chiude il fine settimana con un doppio successo: il 7-0 di venerdì con il Vitkovice serve per mettere in mostra davanti ai propri tifosi i gioielli di casa, tutti a segno, da Zizka a Sindel, da Vlasak a Divisek, mentre il 3-2 di domenica con il Ceske Budejovice ha dimostrato la forza mentale della squadra, avanti 3-0 e poi capace di resistere al ritorno degli ospiti, che tirano di più in porta ma riescono a rimontare due reti, mancando il colpo di un clamoroso pareggio.