Asiago 2005 – domani la cerimonia d’apertura

di Marco Depaoli

L’Italia ospiterà per la terza volta consecutiva i mondiali femminili di seconda divisione (serie C). Dopo le felici edizioni di Lecco (quarto posto) e Vipiteno (secondo posto), quest’anno sarà Asiago ad ospitare la manifestazione, con rosee prospettive di successo.
Le ragazze di Markus Sparer, già in ritiro sull’altopiano da una decina di giorni, cominceranno ad incrociare le stecche lunedì 14 marzo e fino a domenica 20 le proveranno tutte per passare per la prima volta il turno, peraltro nell’ultimo torneo prima dell’avventura a cinque cerchi di Torino 2006.
Avversarie di turno saranno l’Austria, la Corea del Nord, l’Olanda, la Norvegia e la Slovacchia. Quest’ultima ricorda l’esordio della nostra nazionale in quell’8 gennaio 1994 quando le ragazze dell’Est, ancora con la maglia della Cecoslovacchia, battezzarono le azzurre sconfiggendole per 8-2 e 5-1 il giorno seguente. Da quel giorno ne è passata di acqua sotto i ponti, nessuna delle ragazze in maglia azzurra quel freddo gennaio, a parte Nadia De Nardin ancora a guardia della difesa dell’Agordo, calca ancora i nostri ghiacci. Il nostro movimento ad alterne vicende ha saputo creare un gruppo di giocatrici in grado di competere con queste che sono realtà dove l’hockey è all’avanguardia. La più conosciuta è l’Austria, incontrata già 7 volte con ben 6 vittorie azzurre, nella cui formazione vestiranno la casacca biancorossa quasi tutte giocatrici già incontrate da Agordo e Bolzano nel torneo EWHL di quest’autunno. La formazione più temibile rimarrà la Norvegia, i cui precedenti con l’Italia, entrambi ai mondiali, sono risultati negativi, come pure la Slovacchia, non imbattibile, ma capace due anni fa di espugnare il ghiaccio di Lecco per 10-0.

L’anno scorso a Vipiteno l’Italia si guadagnò la medaglia d’argento con quattro vittorie (7-0 sull’Australia, 10-2 con la Gran Bretagna, 2-1 con la Slovacchia e 4-0 con l’Olanda), guastata solo dalla sconfitta della Danimarca per 1-4.
Domenica 13 in una Asiago addobbata a tema, avverrà la cerimonia di apertura della manifestazione.
«Il via alle ore 17 – si legge nel comunicato ufficiale – a partire dalla Piazzetta di S. Rocco con la sfilata che sarà aperta dalla banda musicale “Monte Lémerle” di Cesuna e che vedrà, nell’ordine, giocatori delle giovanili dell’A&O Asiago, le bandiere della I.I.H.F. (portata da Topatigh, Rigoni, Mantese e Strazzabosco) e della F.I.S.G. (sorretta da 4 ragazzi dell’Under 19 asiaghese) davanti agli asiaghesi ex azzurri a precedere le rappresentative delle sei nazionali femminili, seguite dagli altri giocatori dell’A&O Asiago e dai tifosi. La sfilata, ricca di bandiere e colori, percorrerà la il corso e le piazze cittadine per poi prendere la via che porta all’Odegar. Seguirà il cerimoniale all’interno del PalaGhiaccio asiaghese, con l’annunciata presenza di molte autorità sportive ed amministrative, fra cui quelle annunciate del presidente federale Bolognini con altri consiglieri federali, del Sindaco di Asiago Gios, del neo presidente della Comunità Montana Altopiano Sette Comuni Bortoli, oltre ai politici e sponsor. Le squadre, dopo lo spettacolo di pattinaggio artistico offerto dagli atleti delle società asiaghesi, troveranno spazio sul ghiaccio per ricevere l’applauso del pubblico, per ascoltare i discorsi ed i saluti e per l’apertura ufficiale della manifestazione pronunciata dal Chairman. All’interno del cerimoniale troverà spazio anche la premiazione ufficiale delle giocatrici della squadra dell’H.C. Eagles Bolzano vincitrice dello scudetto 2004/05 dell’hockey femminile. Il tutto sarà accompagnato ed allietato dalla musica vibrante e coinvolgente della Banda “Monte Lémerle”. Alla conclusione appuntamento “culinario” per i presenti offerto dall’Asiago Hockey e dalle locali sezioni degli Alpini; nelle due sale della palazzina dell‘Odegar (denominate “Mondiali 2004” e “Mondiali 2005”) ci sarà invece il buffet per le autorità ed i delegati delle Nazionali curato dall’Istituto Alberghiero “Lobbia” di Asiago».
Informazioni, aggiornamenti e tanto altro ancora sul Campionato Mondiale Femminile di Asiago ormai alle porte sul sito www.asiago2005.com

I precedenti:

contro l’Austria
7-0 (2002), 8-1 (2002), 9-3 (2003), 4-3 (2003), 7-1 (2003), 1-4 (2004), 3-0 (2004)

contro la Corea del Nord
si incontrano per la prima volta

contro l’Olanda
1-2 (2001), 3-1 (2002), 3-0 (2003), 4-0 (2004)

contro la Norvegia
0-7 (2000), 2-4 (2003)

contro la Slovacchia
4-3 (1997), 1-2 (2002), 0-10 (2003), 2-1 (2004)