Pari tra Valpellice e Settequerce. Piemontesi ai playout

Compito ingrato per il Vs cronista quello di commentare il pareggio del Filatoio che, di fatto, condanna i valligiani piemontesi ai playout. Niente alibi, niente vittimismi, ieri sera è stato un lento, immotivato e inaspettato suicidio.
Valpe in neroverde al gran completo (rientra Eklov); Settequerce privo degli squalificati Florian Hell e soprattutto di Commisso: tra i pali il giovane Aichner che sarà il punto debole dei bolzanini della Sill.
Il “Fila” ci crede, la vittoria porterebbe i locali a -1 dai playoff.
Come ovvio è la Valpe che attacca pur finalizzando pochissimo; a metà tempo slalom di Anton Butochnov, palo e “tap in” vincente del fratello Andrej. Il tempo di girarti e pareggia Smidt, tutto da rifare. Qui si scatena il piccolo difensore finnico Mikko Martikainen che infila 2 volte dalla blu il goalie bolzanino. Sembra fatta ma incredibilmente negli ultimi 30 secondi pareggia il Settequerce con Walcher e Comencini.

Sul 3 a 3 e tra gli attoniti commenti davanti al solito “vin brulè”, inizia un bruttissimo secondo drittel che vede la Valpe ancora in goal dalla blu (prima Martikainen per il suo hat trick poi Lonn) e gli ospiti in replica con Hubaceck; nel mezzo tanti errori e penalità comminate con troppa fiscalità dalla terna bianconera.
Si arriva al 3° tempo e, dopo 10 mn di terrore trascorsi quasi sempre con 1 uomo in panca puniti e nel proprio terzo difensivo, il solito “Zar” Andrej Butochnov inventa un grandissimo goal beffando il portiere da dietro porta.
Sul 6 a 4 sembra fatta, la Valpe gestisce il puck, il pubblico comincia a fare i conti di classifica in base alle prossime partite, dagli UltrasValpe partono i soliti cori beffardi contro i tirolesi poi, all’improvviso e senza motivo apparente, il crollo… Mancano 5 minuti alla fine e il Settequerce accorcia, ne mancano solo 2 ed è Bohaceck dalla blu ad impattare!
Suona la sirena e nessuno ha ben capito quel che è successo, deconcentrazione, ingenuità, masochismo, non so; la sensazione è che la Valpe sia con entrambi i piedi nei playout e che, almeno per questa volta, sia solo colpa sua.