37. giornata, le sorprese sono all’ordine del giorno

La 37. giornata del campionato è stata quella delle sorprese. Il Friborgo e il Kloten hanno stupito imponendosi a Davos e a Lugano. L’Ambri ha vinto a Rapperswil nel supplementare e il Langnau ha vinto il derby della BernArena. Le squadre peggio classificate hanno avuto un sussulto d’orgoglio a parte il Losanna, nettamente sconfitto a Zugo.

Lugano-Kloten Flyers 2-4 (1-3;0-1;1-0)

01:13 0-1 Severin Blindenbacher
05:36 0-2 Domenic Pittis
07:11 0-3 Patrik Bärtschi
15:30 1-3 Ville Peltonen
31:35 1-4 Sven Lindemann
55:18 2-4 Olivier Keller

Il Lugano subisce la sua prima sconfitta casalinga stagionale in una partita nata storta e continuata sempre peggio per i bianconeri. Kloten che, avendo bisogno di punti, aggredisce immediatamente i padroni di casa e si porta in poco più di sette minuti sul 3-0. Poi il Lugano cerca di reagire ma si capisce subito che non è serata. Peltonen accorcia le distanze ma la squadra non da mai l’impressione di poter recuperare. Nel secondo periodo i padroni di casa schiacciano gli ospiti ma subiscono in contropiede la rete che taglia loro le gambe. Nel terzo periodo il Kloten si limita a difendersi e a colpire in contropiede ma nonostante le occasioni il Lugano realizza solo la rete del 2-4.

Rapperswil/Jona-Ambri Piotta 1-2 dts (0-0;0-0;1-1;0-1)

50:07 1-0 Mikko Eloranta
51:59 1-1 Jeff Toms
64:42 1-2 Jeff Toms

A Rapperswil l’Ambrì disputa una partita difensivamente perfetta e riesce ad agguantare un’importantissima vittoria a 18 secondi dal termine dell’overtime. In partita non succede praticamente nulla visto l’impegno delle squadre ad annullarsi a vicenda e a cercare di limitare al minimo gli errori.

Berna-Langnau 2-3 (2-1;0-1;0-1)

05:02 0-1 Valeri Chiriaev
06:31 1-1 Christian Dube
07:57 2-1 André Rötheli
27:29 2-2 Jamie Heward
50:38 2-3 Loic Burkhalter

Non capita spesso che il Langanu esca con i due punti dalla BernArena, ma forse questo era il momento migliore per fare questo scherzo ai cugini campioni che con questa sconfitta si vedono scivolare sotto la linea. Langnau che non ha rubato nulla, visto che tra le due squadre quella che aveva tutto da perdere era quella dei padroni di casa che sono apparsi molto nervosi e che se non miglioreranno a livello di gioco rischiano veramente di essere i primi campioni in carica a non qualificarsi per i playoffs.

Davos-Friborgo Gottéron 1-3 (0-1;0-0;1-2)

03:01 0-1 Jukka Hentunen
58:41 0-2 Trevor Letowski
59:46 1-2 Rick Nash
59:51 1-3 Jukka Hentunen

La seconda grandissima sorpresa della giornata è la vittoria del Friborgo in quel di Davos dove i frigurghesi riescono sorprendentemente a limitare l’attacco dei grigionesi che in stagione era sempre andato a nozze contro i romandi. Il Davos, un po come il Lugano, ha pagato una certa supponenza all’inizio, e poi si sa è difficile cambiare il ritmo durante la partita.

Zurigo Lions-Ginevra/Servette 5-2 (1-0;1-2;3-0)

00:17 1-0 Thierry Paterlini
27:49 1-1 Andreas Johansson
32:15 1-2 Michal Grosek
39:41 2-2 Tony Virta
44:47 3-2 Thierry Paterlini
48:05 4-2 Claudio Micheli
50:57 5-2 Robert Petrovicky

Lo Zurigo piega alla distanza un Ginevra che per due tempi era rimasto in partita rischiando anche di prendere il largo se non ci fosse stato Sulander alla difesa della porta dei padroni di casa. Occasioni da entrambe le parti nei primi periodi, poi lo Zurigo ha cambiato marcia e per i ginevrini non c’è più stato niente da fare.

Zugo-Losanna 6-1 (1-1;2-0;3-0)

06:46 1-0 Patrick Fischer
14:18 1-1 Christophe Brown
22:13 2-1 Barry Richter
32:35 3-1 Duri Camichel
44:38 4-1 Barry Richter
51:36 5-1 Mike Fisher
58:11 6-1 Raphael Diaz

Partita senza storia quella tra lo Zugo e uno stanco Losanna che ha risentito degli sforzi della sera prima contro il Berna. Il Losanna è rimasto in partita un solo periodo, poi lo Zugo ha preso il largo e per i vodesi non c’è più stato nulla da fare contro un avversario più motivato che sta cercando di qualificarsi il prima possibile per i giochi che contano. Il Losanna ora deve concentrarsi sul playout per mantenere il posto nella massima serie.

Tags: