Milano-Dynamo: sconfitta a testa alta

Seconda sconfitta consecutiva del Milano nelle finali ungheresi di Continental Cup ma la squadra meneghina scrive una pagina di storia dell’hockey su ghiaccio italiano tenendo testa alla “corazzata” russa per 50 minuti di gioco.

di Tony Puma

Chi si aspettava una larga vittoria da parte della Dynamo Mosca sui Vipers, si deve ricredere; la paventata vittoria c’è stata ma la gara è stata vibrante per tutto l’arco dei sessanta minuti.
Il primo periodo si apre con il gol del vantaggio dei russi per merito Kharitonov che davanti allo slot insacca il disco alla destra di Eriksson, ma al 4.30 Rickmo
riceve un assist dalla blu da Felicetti e davanti al portiere Yeremenko realizza il pareggio facendo “esplodere in un boato” i tifosi Rossoblu. All’ 8.46 Zhdan perde
il disco davanti al proprio slot, raccoglie Savoia ma Yeremenko è pronto al rebound.
Marc “Saverio” Savard al 12.24 subisce una penalità per gancio con bastone ed al 13.18 Trostchinsky con un tiro dalla blu prova ad impensierire il golie milanese che para agevolmente. Al 16.31 vengono assegnati 2 minuti di penalità ad Afinogenov per ostruzione; dal conseguente power play, Kinos prova due conclusioni che vengono neutralizzate da Yeremenko.

Il finale di tempo è al fulmicotone a causa del nervosismo che serpeggia tra i giocatori, al 19.58 Il Tkaczuk esce dal penalty box riceve il disco ma al momento del tiro viene travolto da Niklilin che viene sanzionato con due minuti di penalità.
Il secondo periodo inizia con una doppia penalità a favore del Milano, ma allo 0.55 in 4 contro 5 è Datsiuk che recupera il disco perso da Smith ed in contropiede segna
il secondo gol. Da questo momento segue una fase interlocutoria nella quale le due squadre annullano vicendevolmente le timide azioni d’attacco. Al 13.24 Kallarsson si deve accomodare in panca puniti per trattenuta ed in situazione di power play Markov, assistito da Trostchinsky scaglia un tiro dalla blu imparabile. Al 17.08 i Vipers partono in contropiede con Savard che scambia il disco con Tkaczuk, ma il tiro passa davanti alla gabbia russa senza esito.
Nel terzo drittel Savoia recupera un disco nel proprio terzo, lo passa a Sundstrom che offre un assist all’accorrente Felicetti che tira in porta ma viene parato. Al 3.19 è Helfer a provare la via del gol con un tiro dalla blu ma Yeremenko blocca.
Passano 18 secondi e Savoia, dopo un batti e ribatti davanti alla porta russa insacca per il 2 a 3. Al 4.41 uno scambio Terestchenko con Afinogenov che aggiunstandosi il disco con un colpo di pattino s’invola verso la porta milanese e realizza il quarto gol. I Vipers non si danno per vinti e nei minuti successivi si rendono pericolosi con Savoia e Chitarroni. Al 7.58 Smith nonostante l’intenso
traffico davanti allo slot russo insacca il terzo gol milanese. All’11.13 in situazione di superiorità Helfer perde il disco e ne approfitta Datsiuk che s’invola verso Eriksson che neutralizza il tiro, ed al 13.33 Yeremenko si oppone per tre volte consecutive alle conclusioni dei rossoblu. Al 14.29 assistito da Markov, Pavel Rosa segna il definitivo 5 a 3.
Miglior giocatore del Milano Laszkiewicz , per la Dynamo Markov.
Rigori terminano 3 a 0 per i russi, per il Milano hanno tirato: A.Molteni, Peca, Oberrach, Laszkiewicz ed Adams.

Milano – Dynamo Mosca 5-3 (1-1; 0-2; 2-2)

01.39 0 – 1 EQ Dynamo Moscow 10. MIRNOV, Igor
04.10 1 – 1 EQ Milano Vipers 40. RICKMO, Jorgen
20.55 1 – 2 SH1 Dynamo Moscow 13. DATSIUK, Pavel
34.47 1 – 3 PP1 Dynamo Moscow 25. MARKOV, Andrei
43.47 2 – 3 PP1 Milano Vipers 73. SAVOIA, Ryan
44.41 2 – 4 EQ Dynamo Moscow 61. AFINOGENOV, Maxim
47.58 3 – 4 PP1 Milano Vipers 44. SMITH, Matthew
54.29 3 – 5 EQ Dynamo Moscow 19. ROSA, Pavel