Valpellice-Merano: la cronaca

di Fly

Valpellice-Merano 5-5 (1-1, 4-3, 0-1)

TORRE PELLICE – Davanti a quasi 800 spettatori la Valpe accarezza il sogno della tanto attesa vittoria con una "grande" e si ritrova con un punto che sembra più perso che guadagnato.
Parte fortissimo il Merano, con il capitano Brunner (strepitosa la sua partita) dietro con Uvavev e una prima linea da categoria superiore (Hinks, Ansoldi, Fraser).
Dopo 3 minuti, alla prima penalità peraltro dubbia, è già goal di Ansoldi su assist di Brunner; poi un palo e un goal annullato agli ospiti fanno temere il tracollo.
Invece viene fuori la Valpe che, al minuto 13, in penalty killing colpisce in controfuga con Rigoni (assist Anton Butochnov); il resto del primo tempo viene amministrato con saggezza da entrambe le parti.
Il 2° drittel è il festival delle leggerezze difensive; si assiste comunque ad uno spettacolare botta e risposta con la Valpe assai garibaldina. Comincia il difensore Andersson dalla blu dopo 30 secondi (assist di Oberrauch e Andrej Butochnov); pareggia Ansoldi dopo 4 minuti (assist Fraser e Hinks), vantaggio Valpe con lo scatenato Wikstrom (ass. Lindhagen) subito vanificato da un contropiede di Fraser lanciato da Brunner. Il 4 – 3 è della terza linea locale, tiro di Montanari e rimbalzo vincente di De Zoppis sulla respinta dell’incerto Aufderklamm. Neanche il tempo di esultare ed è il solito Ansoldi (hat trick per lui) ad impattare dopo un’azione confusa conclusasi grazie alla evidente trattenuta sul goalie Favre ed alla presenza del meranese nell’area di porta. L’arbitro Colcuc, sicuramente poco "casalingo", convalida tra gli ululati del pubblico minacciosamente assiepato contro le balaustre. Mancano 20 secondi alla sirena ed è Anton Butochnov a fare il 5 a 4 su assist del fratello Andrey e di Felix Oberrauch.

Il terzo tempo è per 10 minuti un assedio del Merano; l disco non esce mai dal terzo valligiano, Favre sembra miracolato respingendo l’impossibile ed invece combina un pasticcio con la complicità di Rigoni, Gallo ne approfitta e lo infila tra i gambali.
E’ il 5 a 5 definitivo difeso alla sirena da Aufderklamm, fino al momento disastroso, sulla girata di Roffo; festa comunque sugli spalti ed onore ai meranesi, sicuramente più forti (39 a 25 i tiri per loro) anche se arrivati in Piemonte assai rimaneggiati.
Poco varia in classifica, Merano saldamente secondo e Valpe a + 1 dai playout ed a – 3 dal quarto posto ora del Pontebba!!
Domani sera ostica trasferta contro il Gardeina, sconfitto in casa dal rinato Caldaro, e domenica sera match fondamentale in chiave salvezza al Filatoio con il Bressanone.