Cortina – Val Pusteria: la cronaca

di Alberto Manaigo

Cortina – Val Pusteria 4-2 (0-1; 4-1; 0-0)

Seconda partita consecutiva all’Olimpico per un Cortina ancora galvanizzato dalla splendida prestazione contro l’Asiago di due giorni fa: questa sera gli uomini di Nilsson ancora senza Menardi, infortunatosi alla spalla, affrontano i gialloneri del ValPusteria con l’obiettivo di ottenere il bottino pieno dopo il pareggio scaturito dal match di andata giocato al Lungo Rienza.
Un primo tempo piacevole da guardare vede entrambe le formazioni tentare la via del gol alternandosi nelle occasioni da rete: tra gli ampezzani da sottolineare al 10:07 una stupenda azione di Cullen che, dopo aver saltato Rebolj alla sua maniera, manda il puck a lato di un soffio. Sono i Pusteresi, però, a passare in vantaggio al 15:24: Mosnar perde un disco in zona d’attacco e lascia di fatto due avversari liberi di involarsi verso la gabbia di Gravel. Il portiere ampezzano para la conclusione di Rehmann, ma il disco carambola su Lazzeri che insacca. Nonostante la squadra di casa provi a riportare subito il risultato in parità, il primo tempo si chiude con gli ospiti in vantaggio per una rete a zero. Da segnalare l’assenza forzata di Gigi da Corte che, a causa di uno slap di Nasreddine parato col polpaccio, è stato costretto a lasciare il rettangolo ghiacciato dopo pochi minuti di gioco costringendo Nilsson a far ruotare 5 difensori per quasi tutto il match.

Partono subito forte i biancoblu nella frazione centrale e già dopo 24 secondi l’inesauribile Pettersson getta scompiglio nella retroguardia pusterese. L’intensità messa si ghiaccio dagli ampezzani fa intendere che le cose potrebbero cambiare in questo secondo tempo ed, in effetti, con due reti in rapida successione il Cortina passa in vantaggio. Al 3:43 è Lennartsson in situazione di power play a deviare sottomisura una staffilata di Mosnar dalla blu. Non passa nemmeno 1 minuto e Pettersson dopo un’azione travolgente scalda i gambali a De Rouville che lascia un rebound a Boman: è fin troppo facile per lo svedese mettere il disco alle spalle dell’estremo difensore del Brunico. Gli ospiti, però, non si danno per vinti e riescono a riacciuffare il momentaneo pareggio al 12:43 con Forget, pronto a raccogliere un rimbalzo lasciato da Gravel su tiro di Mair.
Tutto da rifare quindi per gli uomini di Nilsson che, però, hanno dimostrato spesso di essere capaci di reazioni fulminanti: bastano 43 secondi agli ampezzani per riportarsi in vantaggio. Un grande Cullen offre un bel disco a Bernardi che prova due volte a superare De Rouville, il terzo tentativo è, però, di Ström che non sbaglia. Non poteva mancare, però, il sigillo della stella statunitense su questo match: al 18:40 Ström dopo una bellissima azione offre un disco decisamente invitante a De Bettin che si fa parare la conclusione da De Rouville. Cullen recupera il disco da dietro alla gabbia e girandoci attorno insacca nell’angolo basso alla sinistra del portiere giallonero. Le squadre vanno, dunque, a riprendere fiato negli spogliatoi con un parziale di 4-1 favorevole ai padroni di casa. Nella terza frazione il Brunico tenta di recuperare il passivo, cercando di mettere in difficoltà, e riuscendovi a tratti, gli ampezzani che comunque danno l’impressione di controllare abbastanza agevolmente il risultato.
Ottava vittoria consecutiva per gli uomini di Nilsson, dunque, che dimostrano ancora una volta di essere molto organizzati in fase difensiva e di essere bravi nell’impostare le ripartenze. Buona partita anche per gli uomini di Shea che hanno subito il ritorno veemente dei padroni di casa nella seconda frazione. Nel prossimo turno il Cortina affronterà al Gianmario Scola il Fassa (unica squadra contro la quale gli ampezzani non hanno ancora vinto), mentre il Val Pusteria affronterà l’Asiago tra le mura amiche del Lungo Rienza.