Merano-Settequerce: la cronaca

di Gianpaolo

Merano-Settequerce 3-3 (2-1, 1-0, 0-2)

MERANO – Il Settequerce sarà l’unica squadra di questo torneo di serie A2 ad uscire due volte imbattuta dalla Meranarena. Dopo la vittoria conquistata il 9 novembre scorso, oggi gli uomini di Micheal Mair sono riusciti a rimontare lo svantaggio di 1-3 con una doppietta di Prudenziati nella frazione conclusiva. Il Merano ha sprecato numerose occasioni per segnare la quarta rete e ha fatto troppo poco in attacco nel tempo conclusivo. L’Egna, grazie al successo conquistato a Bressanone, centra l’aggancio in classifica ed il giorno di Santo Stefano sarà scontro diretto sul ghiaccio della Bassa Atesina.
Prima dell’incontro alla Meranarena viene osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Karel Metelka, ex allenatore del Merano e padre del linesman ed ex giocatore, perito in un incidente stradale in Repubblica Ceca. Sul ghiaccio inizia male per i padroni di casa che vanno subito sotto. Un preciso passaggio in verticale di Jan Bohacek giunge infatti a Jiri Hubacek lasciato colpevolmente solo sulla linea blu: il giocatore ceco s’invola verso la porta del Merano difesa oggi da Günther Aufderklamm e segna con una conclusione sotto la traversa (3’31’’). Al 6’51’’ superiorità numerica per il Settequerce: dopo una grande parata di Aufderklamm su Comencini giunge il gol del pareggio. Helmut Rainer s’incarta nell’uscita di zona, Parlatore gli ruba il puck e segna dopo aver messo a sedere Commisso con una finta (7’55’’). Dopo un’occasione con l’uomo in più per parte non sfruttata, il Merano va in vantaggio al 15’17’’: gran servizio in diagonale di Hinks per Gallo che entra nel terzo d’attacco in completa solitudine ed infila il disco fra i gambali di Commisso.

La frazione centrale si apre con un’occasione fallita da Rod Hinks che devia sopra la traversa un bel passaggio smarcante di Fraser. Il canadese si rifà al 5’17’’segnando la terza rete in superiorità numerica: servito da Parlatore elude l’intervento di Commisso sdraiatosi sul ghiaccio con un paio di pattinate all’indietro e segna scavalcando il portiere con un tiro di polso. Nel proseguo di gara il Settequerce non crea pericoli ad Aufderklamm, il Merano si vede in avanti solo a sprazzi ma crea occasioni da rete di una certa pericolosità. Al 9’49’’ c’è una grande parata di Commisso su Gallo smarcato da Pixner, al 13’09’’ in superiorità numerica Huber colpisce il palo interno con una conclusione dalla blu. Dopo un break degli ospiti con un tiro di Hubacek fuori di poco al 14’, un minuto dopo Brunner dribbla Bohacek e smarca Zöschg che a colpo sicuro tira addosso al goalie ospite. Al 18’ errore di mira di Iain Fraser che tira alto con Commisso sdraiato sul ghiaccio. A fil di sirena mischia davanti alla gabbia del Merano conclusa con un intervento di Aufderklamm con la pinza.
Nel tempo conclusivo ci sono dieci minuti in cui non succede nulla di rilevante, poi la gara si riapre per un errore di Aufderklamm che lascia scivolare il puck in rete su tocco di Prudenziati che era spuntato all’improvviso da dietro la gabbia (10’11’’). Gol del definitivo pareggio al 14’38’’ sempre con Prudenziati che si libera sulla blu, riceve un preciso passaggio di Hubacek e supera Aufderklamm con una finta. Il Merano continua a non vedersi in attacco e l’unica occasione è per Hinks il cui tiro viene smanacciato da Commisso. Nel finale gli ospiti in superiorità numerica hanno anche la possibilità di vincere ma la sirena sancisce il risultato di parità.