Asiago-Cortina: la cronaca

di Davide Trevisan

Asiago-Cortina 3-3(1-1:2-0:0-2)

Ancora una volta l’Asiago non riesce a vincere all’Odegar questa volta per colpa dell’ex Giorgio De Bettin che a 15 secondi dalla sirena pareggia i conti. C’è da dire che il pareggio è il risultato più giusto giunto al termine di un match che ha visto un Asiago in netta crescita ed un Cortina mai domo.
Tra i giallorossi assenti Rodeghiero, Rigoni, Omicioli e all’ultimo anche Cooper per un problema alla schiena.
All’inizio del match un minuto di raccoglimento per ricordare la mamma di Andrea Rodeghiero prematuramente scomparsa in settimana.
I primi minuti di gioco vedono in pista un Asiago arrembante che si fa vedere subito dalle parti di Gravel che compie un paio di interventi dei suoi: prima neutralizza col guantone il tiro di Mantese e poi compie un vero miracolo opponendosi alla conclusione a botta sicura di Rico Fata splendidamente servito da Giulio Scandella; i giallorossi non sfruttano poi il powerplay, ma si rendono pericolosi con Frigo che impegna Gravel al 10° minuto di gioco. L’Asiago si rilassa un attimo e il Cortina passa in vantaggio: slalom di Cullen che serve De Bettin conclusione e clamoroso doppio palo, l’azione prosegue e ancora De Bettin serve Cullen che fulmina Streit da 3 metri.La reazione dell’Asiago è affidata ad un ispiratissimo Scandella che si fa tutto il campo sulla corsia di destra e, giunto sul fondo, indirizza in mezzo, il disco trova una fortunata carambola e s’infila in rete.

La seconda frazione si apre con il Cortina in superiorità (2 min a Cirone causa tuffo di Gravel) che diventa anche doppia per 17 secondi, ma la retroguardia giallorossa si difende bene. Scampato il pericolo l’Asiago si riversa in attacco e colpisce, protagonista ancora lui Giulio Scandella che si esibisce in un coast to coast spettacolare ma una volta giunto in zona tiro appoggia per l’accorrente Cirone che fulmina Gravel all’incrocio dei pali. Poco dopo powerplay per l’Asiago ma dopo il tentativo di Cirone pinzato dal goalie ampezzano è Armani a metterci una pezza nel pericoloso contropiede di Cullen Al 10° applausi per Streit che para in due tempi la conclusione del capitano del Cortina; due minuti più tardi gli applausi sono per Gravel abile ad opporsi al bolide di Cirone. E’ il preludio al terzo gol giallorossi che giunge al 14°a coronamento di una bell’azione della seconda linea giallorossa: Gauthier allarga sulla sinistra per Tommasello preciso assist per Parco appostato sul palo opposto e conclusione che batte per la terza volta Gravel. Due minuti dopo Basso è penalizzato di due minuti e allora Streit si esalta sulle conclusioni di Mosnar e Lennartson.
Terza frazione che vede subito il gol del Cortina realizzato in mischia da Strom. L’Asiago fa l’errore di chiudersi in difesa e così c’è gran lavoro per Streit che si oppone con bravura su Cullen, De Bettin e ancora Cullen; al 16° l’Asiago ha una ghiottissima occasione per chiudere il match, ma Gauthier preferisce cercare gloria personale anziché servire Parco appostato sulla sinistra.. Il Cortina tenta il tutto per tutto e a due minuti dalla fine Nilsson chiama time-out,un minuto dopo esce Gravel per l’uomo di movimento in più; si arriva così al 19.44, quando De Bettin fulmina l’incolpevole Streit da 1 metro siglando il gol dell’ex che gela l’Odegar già pronto a festeggiare il primo successo casalingo!