Merano-Appiano: la cronaca

di Gianpaolo

Merano-Appiano 4-1 (1-0, 2-1, 1-0)

Il Merano supera l’Appiano in una partita dai ritmi blandi e mal giocata da entrambe le formazioni. Il successo è arrivato sfruttando i clamorosi errori difensivi degli uomini di De Bruyn, veramente ingenui in almeno tre delle quattro marcature subite. I padroni di casa non hanno messo in mostra il bel gioco ammirato nelle prime uscite casalinghe (ad esempio contro Bressanone e Caldaro): molti elementi di valore sembrano essersi adeguati nel rendimento alla categoria in cui giocano, su tutti Rod Hinks che a poco più di un minuto dalla fine dell’incontro si è addirittura macchiato di un fallo di reazione (bastonata a due mani) che gli è costato una penalità partita e probabilmente almeno due giornate di squalifica. Buono (un gol ed un assist) il debutto stagionale di Domenico Parlatore, positivo anche il ritorno di Andreas Huber che ha dato più solidità al reparto arretrato.

Nel primo tempo la noia l’ha fatta da padrona: i pochi tiri in porta non hanno mai impensierito seriamente i due portieri. L’unico episodio da raccontare è il vantaggio del Merano: Lutz conquista il puck, gira attorno alla gabbia avversaria ed il goalie Hannes Pichler, vittima di un inspiegabile blackout, gli lancia contro il bastone. Rod Hinks si incarica dell’esecuzione del tiro di rigore: il canadese mette a sedere il portiere con una finta ed insacca in backhand sotto la traversa (4’34’’).
Nel secondo drittel arriva il pareggio dell’Appiano: Matt Gorman, l’unico tra gli ospiti ad aver mostrato qualcosa di concreto, serve con un bel passaggio in diagonale il liberissimo Klaus Hofer che batte Tragust con un tiro ad incrociare (4’00’’). Pochi istanti dopo superiorità numerica per i padroni di casa: Lukas Martini in zona neutra pasticcia ed invece di gettare il disco nel terzo avversario lo regala a Parlatore il quale si lancia in contropiede lungo l’ala sinistra e mette il puck in mezzo per Hinks che pur pressato da un avversario non ha difficoltà a riportare avanti i padroni di casa (6’46’’). Poco dopo superiorità per l’Appiano, ma dopo una discesa in velocità di Bustreo ben arginata da Tragust un’altra leggerezza dei Pirats regala al Merano la terza rete: Gorfer s’incarta nell’uscita di zona e si lascia rubare il disco da Parlatore, che supera il goalie Hannes Pichler in uscita spericolata ed arriva fino in porta con il puck realizzando lo shorthanded goal (10’11’’). Nel resto del tempo i padroni di casa non sfruttano ben tre superiorità numeriche per mettere una seria ipoteca sul risultato.
Nel tempo conclusivo l’Appiano prova con qualche velleitaria azione a riaprire l’incontro, ma è Massimo Ansoldi a scrivere la parola "fine" infilando sotto la traversa di Pichler dopo aver recuperato un puck all’altezza della blu ed essersi liberato in dribbling di un avversario (7’32’’). Da qui in avanti non succede più nulla, ad eccezione del brutto fallo di Hinks già descritto in precedenza.