Varese – Milano: la presentazione

di Gianluca

E’ l’ora del derby !!!!!!! Varese – Milano è la partita che più scalda il pubblico, è una partita che racchiude emozioni fortissime, è qualcosa che va oltre l’immaginazione: in un derby c’è tutto quello che si vorrebbe vedere e molto di più. Tuttavia le due squadre si presentano all’appuntamento in modo diverso: se da un lato i Mastini stanno attraversando un periodo abbastanza negativo, dall’altro gli uomini di Insam continuano a essere l’unica formazione imbattuta del campionato e sono reduci dal pareggio conquistato sul difficile ghiaccio di Cortina. I ragazzi di Tony Martino dopo aver avuto ragione a fatica del Torino, sono incappati nella quarta sconfitta stagionale al PalaOnda di Bolzano: una partita che ha visto i giallo-neri tenere testa ai rivali fino verso la metà del secondo periodo per poi cedere, senza reazione, agli attacchi di Timpone & C; Varese sta attraversando un momento difficile legato soprattutto al rendimento di alcuni suoi uomini chiave come Iannone, Matulik, Della Bella: il primo è in un momento di crisi e questo è stato confermato dall’esclusione in alcune partite; il capitano sembrava potesse avere le credenziali di trascinatore ma invece si sta rivelando non all’altezza del suo ruolo; se ci mettiamo poi che il goalie giallo-nero nelle sue ultime uscite ha confezionato errori su errori allora si riesce a capire come mai gli uomini di Martino si trovino in certe situazioni di crisi. C’è da aggiungere anche il fatto che in alcune partite i Mastini non si presentano sul ghiaccio al massimo della concentrazione come testimoniano le “scoppole” di Cortina (8-0) e Milano (6-0) e parzialmente l’ultima trasferta di Bolzano; e questa è la nota più dolente dei Mastini perché se i problemi del power play o delle situazioni di inferiorità numerica possono in qualche modo essere “curati”, il fatto di scendere sul ghiaccio e avere certi cali di tensione (per alcuni giocatori) fa sorgere molte preoccupazioni per il proseguo del campionato. Non vanno dimenticate tuttavia, le ottime prestazioni sul ghiaccio di Fassa e ad Asiago dove i giallo-neri hanno sfiorato in entrambi i casi la vittoria: in quei casi i Mastini hanno tenuto testa a squadre potenzialmente più complete di loro ed è questo che fa rabbia perché allora è solo questione di concentrazione !!!!!! Passando ai “cugini” milanesi, questi comandano la classifica e coach Insam dispone di un roster stratosferico: Adams e Sundstrom rappresentano le stelle della formazione meneghina anche se ci si attendeva qualcosa di più da loro (non a caso la migliore “vipera” è Tkaczuk), se poi ci aggiungiamo il capo-cannoniere dello scorso anno Rickmo, il sempre verde e grande ex Chitarroni, il bomber Felicetti allora si può capire quale potenziale si nasconda sotto le casacche rosso-blu, senza dimenticare gli altri giocatori in grado anch’essi di capovolgere in un attimo la partita; a tutto questo va aggiunto che Milano ha la miglior difesa del torneo e il miglior attacco, seguito a ruota da quello giallo-nero. Pronostico tutto a favore di Milano anche perché sarà difficile che un Varese in queste condizioni fisiche e “caratteriali” possa fermare la corazzata del patron Alvise di Canossa. Ci si aspetta una reazione dai Mastini ma una reazione vera per non dar adito alle polemiche; il cuore giallo-nero è grande e quindi mai dire mai !!!!!

Tags: