Riepilogo dell’undicesima giornata

Il Merano cade clamorosamente in casa contro la sorpresa Settequerce e viene raggiunto in testa alla classifica dall’Egna, grazie ad un punto decisamente sudato ottenuto sul ghiaccio di San Michele contro l’Appiano. Il gol del pareggio è arrivato a due minuti dalla fine ad opera del difensore Luca Fusoni, dopo che Riccardo Mosele aveva portato in vantaggio l’Appiano nel primo tempo.
Il Caldaro non va al di là del pareggio contro il Pontebba. I friulani sono andati sul doppio vantaggio nel tempo iniziale con le reti dello sloveno Hadzisulejanovic e dell’oriundo Nick Romano, ma gli altoatesini hanno dimezzato quasi subito lo svantaggio con Brian Belcastro ed hanno raggiunto il pari nel tempo conclusivo con Wirth.
Il Gherdeina questa volta è riuscito a centrare una buona prestazione contro il Valpellice, reagendo ai due gol ospiti di Butochnov e di Eklov in apertura di gara già nel primo tempo, nel quale i ladini sono andati in rete quattro volte con le marcature di Smith, Wanker, Lambacher e Vire. Nel secondo tempo le reti di Niederkofler e Martikainen hanno fissato il punteggio sul 5-2.

In coda, pirotecnico 5-5 tra Vipiteno e Bressanone. Marcature di Wieser, Sparber, Stricker, Rainer e Donovan per i padroni di casa e di Prinoth, Dvorak, Daniel Rossaro, Braito ed Andrea Mosele per i brissinesi. La porta dei Broncos è stata difesa inizialmente da Daniel Goller, poi George Kingston ha inserito nel tempo conclusivo il finlandese Marko Leinonen. Nel Bressanone non ha ancora potuto esordire nessuno dei nuovi aquisti svedesi per problemi di tesseramento. Da valutare se i dirigenti brissinesi faranno ricorso in Federazione per l’impiego di Sparber nel Vipiteno.