I derby del 23 ottobre nella storia

di gio

Il 23 ottobre 1979 rappresenta una data storica per l’Hockey club Lugano. La prima vittoria dei bianconeri alla Valascia.
In quell’ennesimo scontro, Alfio Molina è per i bianconeri il 100% della squadra, il portiere trascina lettaralmente il Lugano al successo per 5-2. E’ la prima volta dei bianconeri sul ghiaccio bollente della pista leventinese. Auindi un risultato memorabile. Un particolare, il quinto gol dei bianconeri viene realizzato da un giovane promettente, Fabio Gaggini, la cui passione lo porterà anni dopo fino alla presidenza della società e ad alzare la coppa di campione svizzero proprio alla Valascia vent’anni dopo.

Il "Corriere del Ticino il giorno dopo scriveva"

Il Lugano ipoteca il risultato nei primi due tempi e lo mette al sicuro nella fase iniziale dell’ultima frazione.
IL BALUARDO MOLINA E L’IMPLACABILE CONTROPIEDE

Per la prima volta nella storia dei derby il Lugano ha espugnato la Valascia! E’ una grossa impresa che, prima o poi doveva capitare. Il Lugano c’è riuscito perché stavolta, è salito in valle con una squadra consapevole delle proprie possibilità, e decisa a ripetere per filo e per segno, sul piano tattico, la bella partita di sabato scorso contro lo Zurigo. Non era una cosa facile, ma i giocatori erano psicologicamente preparati per farla, non avendo nulla da perdere e tutto da guadagnare. L’Ambri, preoccupato per non essere riuscito finora a trovare la propria identità, si è lasciato progressivamente vincere dal nervosismo, attaccando con foga ma con troppa improvvisazione e poco costrutto.
Di fronte alla determinazione ed alla calma con cui il Lugano è riuscito ad impostare il proprio gioco, rendendosi pericoloso sin dall’inizio, i leventinesi sono apparsi sconcertati. Così la prima linea del lugano, creando molte occasioni come contro lo Zurigo, ha messo la museruola a quella dell’Ambri, mentre le altre due, con minori problemi per quanto riguardava il gioco divensivo, hanno fatto bravamente la loro parte. E’ stata proprio la seconda linea del Lugano a sbloccare la situazione con Vogelsang, e poi, dopo il provvisorio pareggio dei leventinesi, a riportare in vantaggio i luganesi con Lötscher, approfittando anche dell’ottimo lavoro di Pons in retrovia. Poi l’Ambri si è completamente smarrito, non riuscendo a trovare alcun modo per sorprendere Molina, superlativo nella seconda parte del derby. Né Tajcnar né De Marco sono riusciti a batterlo dalla media distanza, mentre Rossetti e compagni, nei loro tentativi in profondità hanno trovato la validissimaopposizione dei vari Aeschlimann e compagni, bravissimi come lo erano stati sabato. Chiuso il secondo tempo in vantaggio per 3-1, il Lugano aveva in mano la partita. Superato anche un critico momento all’inizio del terzo tempo per l’espulsione di Lötscher, la squadra di Cusson ha controllato la partita sino al termine, andando ancora due volte in gol con Zarri e Gaggini, contro una sola segnatura avversaria, ottenuta nei minuti finali, ad incontro ormai deciso. Confermando lo schieramento di sabato, Cusson ha trovato nel tandem Koleff-Côté la carta vincente per questo derby.
Reti: 21.40 Vogelsang 0-1; 23.09 Panzera 1-1; 23.41 Lötscher 1-2; 34.18 Koleff 1-3; 51’ Zarri 1-4; 56’ Gaggini 1-5; Genuizzi 2-5
Spettatori 7500

Il 23 ottobre 1993 invece è la data del derby numero 80 della storia, si gioca nella pista provvisoria del Lugano e la partita finisce in parità 3-3

Tags: