Svizzera: 9. giornata LNA

Risultati

Friborgo-Lugano 5-5 dts (2-1;1-2;2-2;0-0)
Berna-Langnau 1-1 dts (0-0;1-0;0-1;0-0)
Zugo-Zurigo 4-1 (1-1;1-0;2-0)
Servette-Davos 1-5 (0-0;1-3;0-2)

Il Lugano nonostante il deludente risultato di Friborgo si è portato in vetta in compagnia dello Zurigo. Partita che inizia con il Lugano un po pasticcione ma nonostante ciò nei primi minuti i bianconeri controllano bene la partita e sfiorano a più riprese la prima segnatura. Rete che cade con il Lugano in inferiorità numerica per merito di Ville Peltonen che con una grande azione di alleggerimento si beve l’intera squadra del Friborgo prima di battere l’incolpevole Mona al 5.22. Passano appena 38 secondi e il Friborgo pareggia grazie ad uno sbandamento collettivo dei bianconeri per merito di Rhodin che batte Aebischer schierato a difesa della gabbia bianconera. Sulla slancio il Friborgo si fa più intraprendente e al 12.26 Hentunen trova la rete del vantaggio per i padroni di casa beffando il portiere bianconero. Nel secondo tempo la situazione sembra precipitare per i bianconeri che subiscono la terza rete al 22.53 per merito di Berthud che non si fa pregare a depositare in rete. Al trentesimo minuto quella che poteva essere la svolta del confronto. Aebischer non permette a Karlberg di portare a quattro le segnature dei friborghesi intercettando da vero campione con la pinza un rigore di Karlberg. Questo episodio ha il merito di svegliare i bianconeri che un minuto più tardi, al 30.11 si riportano sotto con un’altra bella rete di Peltonen, tornato a "girare" dopo le fatiche della world cup. Fair riporta il Lugano in parità al 39.34 e alla seconda pausa le squadre sono nuovamente in parità. Il terzo tempo inizia con la rete di Jeannin al 41.21 che porta in vantaggio per la prima volta gli ospiti. Il Lugano invece di chiudere la partita, cerca di difendersi lasciando l’iniziativa ai padroni di casa e paga a caro prezzo questo errore al 50.00 quando Benny Plüss pareggia. Tornano in vantaggio i bianconeri al 53.25 grazie a Gratton, lesto a depositare in rete una respinta di Mona. A questo punto si pensava ad un Lugano attento, ma passano solo dieci secondi che i bianconeri confezionano un altro pasticcio difensivo pernettendo a Hentunen di pareggiare. 5-5 e overtime. Il Supplementare inizia con un Lugano più volte vicino alla rete ma Mona con un po di fortuna riesce a mantenere inviolata la propria porta per un pareggio che i tifosi di casa festeggiano come una vittoria. Al termine dell’incontro ovazione per Aebischer tornato nella "sua" Friborgo da avversario. Buono il debutto di Di Pietro in bianconero che ha mostrato buone cose, Aebischer è invece apparso un poco nervoso e ha sulla coscienza almeno un paio di segnature ma è chiaro che quando la squadra non copre a dovere in proprio portiere non è facile giocare nemmeno per il migliore estremo difensore al mondo, figuriamoci per un pur ottimo portiere qual’è Abby.

A Berna, davanti ai soliti 16771 spettatori, è andato in scena il derby benrese tra Berna e Langnau. Le due squadre hanno dato vita ad una partita intensa e un po cattiva, parecchie le penalità fischiate. Berna in vantaggio a metà partica on Dubé e raggiunto a dieci minuti dalla fine da Murovic. Ambiente infuocato come sempre alla BernArena che si avvia veramente ad una media di spettatori stratosferica, 15864 spettatori di media nelle prime 4 partite di campionato di cui 3 tutto esaurito.
Lo Zugo riscatta le due battute d’arresto in Ticino rimandando a casa sconfitta la capolista Zurigo. Partono subito forte i padroni di casa che al 4.04 passano in vantaggio con Rothen am vengono quasi subito raggiunti da Camenzind al 7.48. A questo punto la partita è lanciata e dopo un periodo equilibrato, con diverse occasioni ma senza segnature, lo Zugo torna in vantaggio con Fischer al 32.55. nel terzo periodo lo Zurigo cerca di recuperare ma subisce altre due reti ad opera di Fischer ancora al 45.36 e Rothen al 51.51 e la partita è chiusa.
A Ginevra, il Servette incappa in un’altra disastrosa partita. Bastano 6 minuti al Davos per chiudere l’incontro con Hagman (21.57), Von Arx (27.32) e Guggisberg (28.02). Poi non succede più nulla se non la rete che poteva riaprire la partita di Johansson al 36.27 ma a questa segnatura il Servette non riesce a farn e seguire altre cosicchè nel terzo tempo il Davos allunga ulteriormente con Riesen (50.02) e Nash (58.02)

Classifica serratissima con le prime sei squadre racchiuse in soli 2 punti. Stasera intanto un gustoso Davos-Ambri Piotta e da seguire anche Zurigo-Berna, una sfida che promette scintille nella piccola pista del Neudorf.

Tags: