Bolzano – Torino 5-4

di Mary Alberghina

BOLZANO – Si apre la nuova stagione hockeistica al Palaonda con una vittoria un po’ sudata per un Bolzano nettamente favorito sulla carta.
Dopo gli inattesi risultati di Milano, Asiago e Alleghe la vittoria del Bolzano sembra l’unico “punto fermo” di questo campionato.
Partita non particolarmente brillante da parte dei padroni di casa che nel primo tempo si portano in vantaggio al 2.28 con Tuzzolino che raddoppia all’11.16, dando l’illusione che ormai la partita sia già segnata.
Dopo circa 4 minuti il Torino sfrutta una superiorità numerica (Lundmark in panca puniti per bastone alto) ed accorcia le distanze con uno slap mal riuscito del difensore piemontese che sorprende Muzzatti probabilmente coperto. Torino che alza la testa e cerca di imporsi su un Bolzano che comunque sembra non riesca ad entrare in partita.
Al rientro dal primo riposo i piemontesi partono già motivati e con l’intenzione di non concedere nulla alla compagine biancorossa che finisce col subire il gioco ospite fino al momentaneo pareggio ad opera di Arhula in inferiorità numerica, poiché il suo compagno Salminen era in panca puniti.

Fortunatamente Dutiame in meno di tre minuti porta il Bolzano nuovamente in vantaggio su un Torino ostico e decisamente più concentrato.
Le continue sviste difensive dei padroni di casa portano nuovamente in parità il risultato grazie anche ai continui tentativi di attacco da parte del Torino che nella terza frazione di gioco tenta in tutti i modi di superare il Bolzano potandosi in vantaggio, ma i padroni di casa rinsaviscono ed iniziano a giocare come loro di addice rendendosi più pericolosi dei due tempi precedenti e concretizzando gli attacchi al 51.43 con la stella nhl (ieri un po’ offuscata da un Tuzzolino in piena forma e dalla mancanza di amalgama con il resto della squadra) che gonfia la rete piemontese con un gol da manuale.
Il Torino però non si arrende ed al 55.09 raggiunge nuovamente il pareggio grazie ad un gol di rimbalzo di Brolin che dopo una bella parata di Muzzatti, che però non trattiene, infila il disco alle spalle dell’estremo biancorosso (che inavvertitamente accompagna con la gamba il disco nella porta).
Ormai sembra tutto finito ed il Torino sta già assaporando il meritato pareggio, ma Egger, a tre minuti dalla fine dell’incontro con uno splendido slap poco la linea blu del terzo torinese porta il Bolzano sul definitivo 5-4 che consente così ai padroni di casa di partire in campionato con una vittoria.

Curiosità:
Muzzatti abbastanza in forma effettua delle parate notevoli, ma sfortunatamente non può essere su tutti i dischi che per 4 volte finiscono alle sue spalle anche perché trattiene pochi dischi ed i difensori (non conoscendo ancora bene il suo modo di giocare) non spazzano lo slot.
Lundmark decisamente spaesato non riesce a trovare l’intesa coi compagni di linea Timpone (in grande forma) e Ansoldi. Sicuramente nel giro di una settimana le cose cambieranno!
Tuzzolino… che dire, la stella ieri sera è stata decisamente lui. Forse un po’ irascibile, ma per il momento glielo si può concedere.
Arbitraggio che lascia un po’ a desiderare!