Showdown on Ice ad Appiano: Cortina grande trionfatrice

di Gianpaolo

Si è svolto ieri sera ad Appiano il primo Showdown on Ice, riuscitissima manifestazione che ha premiato i migliori della passata stagione hockeystica italiana.
Dopo la consegna delle statuette alle squadre vincitrici dei campionati under 19, di serie C, B, A2 e A1 (sia maschile che femminile) e ai topscorer di serie B e di serie A, sono stati premiati i migliori per ruolo designati da una giuria specializzata. La squadra che ha ottenuto il maggior numero di riconoscimenti è stata il Cortina, indicata come squadra sorpresa e vincitrice con Jörgen Rickmo nella categoria "miglior giocatore" e con Rolf Nilsson indicato come miglior tecnico. Miglior giovane è stato votato Lorenz Daccordo del Renon, miglior portiere Francois Gravel dell’Asiago. Giorgio Moschen ha ricevuto il riconoscimento per il miglior arbitro da un Renzo Stenico visibilmente infastidito dai numerosi fischi che hanno accolto la lettura delle nomination (come dargli torto visto che non era certo questa l’occasione per fare ulteriore polemica verso il settore arbitrale?). E’ arrivato poi il momento più significativo di tutta la serata: la consegna del premio alla carriera a Martin Pavlu. Il pubblico presente è rimasto tutto in piedi per cinque minuti ad applaudire uno dei simboli del nostro movimento hockeystico che ha chiuso quest’anno la sua carriera: la prova del ricordo indelebile che Martin lascerà in tutti gli appassionati italiani di questo sport indipendentemente dai colori a cui sono legati. La serata si è conclusa con la premiazione dei componenti dell’All Star Team italiano: Günther Hell in porta, Leo Insam e Armin Helfer in difesa, Lino De Toni ala sinistra, Armando Chelodi centro e Roland Ramoser ala destra.

Da parte nostra vanno i complimenti agli organizzatori di una manifestazione che non potrà che avere risvolti positivi per il nostro hockey che ha tanto bisogno di ricevere più attenzione da parte dei media.