Play off NHL: Gara 1 Sharks-Avalanche 5-2

di Teoberto (San Josè):

Gli Avalanche escono con le ossa rotte dalla prima gara di questa serie, da molti considerata equilibrata o leggeremente favorevole a Colorado alla vigilia.
In uno Shark Tank esaurito e rumoroso, gli Sharks impartiscono una bella lezione ai piu’ quotati avversari. Che la causa di questo risultato sia stata la disastrosa prova difensiva degli Avs nei primi due periodi (deboli sull’uomo nell’uno contro uno, assolutamente dominati alla balaustra), o la disciplina e l’intensita’ di tutta San Jose, a cominciare da Nabokov, per continuare con il rookie Dimitrakos e finire con capitan Marleau, autore del secondo hat-trick di questa post-season, e’ difficile da dire. Probabilmente gara 2, in programma Sabato a mezzogiorno, potra’ fornire una risposta piu’ chiara. In ogni caso, coloro che avevano gioito a Denver nel saper di aver evitato i Detroit Red Wings in questo turno, ora avranno ben poco da ridere.
Gli Squali sono una cosa seria. Molto seria.

LA CRONACA
Thornton da una parte e Tanguay dall’altra non sono della partita.
Le squadre iniziano la partita piuttosto contratte, ed i due portieri sono poco impegnati. Gli Avs si dimostrano un po’ piu’ intraprendenti, ma solamente grazie al fatto che possono sfruttare due superiorita’ numeriche. Il punto di svolta avviene al 10.52: Cheechoo , lasciato colpevolmente solo dietro alla gabbia difesa da Aebischer, fornisce un perfetto assist al solitario Marleau, che dallo slot non ha problemi ad insaccare. San Jose si carica e, non passano due minuti che Damphousse, dopo essere entrato facilmente nel terzo offensivo, viene contrastato poco e male ed incrocia perfettamente per il 2-0. Ma non e’ finita. Al 19.07, con Hendrickson in panca per trattenuta, i Sharks in mischia segnano il terzo gol con Hannan. Shark Tank in delirio e Colorado in ginocchio!
Il secondo periodo comincia con una sfuriata degli Avs, ma condite con le “solite” amnesie difensive. Ogni volta che San Jose’ supera la linea blu, da’ l’impressione di poter creare serissimi problemi ad Aebischer. Comunque al 9.07, in superiorita’ numerica, Konowalchuk finalmente riesce a superare un solido Nabokov ribattendo una conclusione di Nikolishin.
Chi a questo punto si aspetta la rimonta degli Avs, non ha fatto i conti con Marleau e con la forza del power play degli squali, impressionante stasera per qualita’ e quantita’ di tiri scagliati verso il povero Aebischer. Cosi’, al 11.39 Marleau segna su assistenza di Dimitrakos in parita’ numerica, e si ripete al 13.13 in superiorita’, bucando il portiere di Colorado con uno shot sul primo palo.
Tony Granato a questo punto cambia il portiere ed inserisce Tommy Salo, che fara’ una degna figura. Probabilmente Aebischer paga per colpe non sue, anche se ha incassato 5 gol su 17 tiri in porta…
All’inizio del terzo periodo gli Avs producono il massimo sforzo per rientrare in partita, o almeno per salvare la faccia. Un nervosissimo Forsberg, che cerca il contatto per almeno due cambi con chiunque in maglia blu gli passi vicino, segna in superiorita’ numerica in apertura di terzo con una magata delle sue: finta di aggirare la gabbia, ed appena Nabokov sposta il pattino dal palo, torna indietro e trova un millimetrico varco. Ci sarebbero ancora piu’ di 19 minuti per tentare la disperata rimonta, e finalmente Colorado gioca come sa, ma si trova davanti un Nabokov in gran serata.
Per capire quanto frustrati i giocatori di Colorado fossero a fine gara, basta dire che Barnaby, Gratton e Vaananen (curiosamente tutti acquistati alla chiusura del mercato per rendere la squadra piu’ “fisica”) rimedieranno 2 +5 +10 minuti di penalita’ per una rissa scoppiata al 18.32, con l’ala ex-Rangers nel ruolo di istigatore e gran protagonista. Per San Jose usciranno dal ghiaccio Stuart, Brown e Smith, ma senza penalita’ minori. Se cio’ non bastasse, negli ultimi momenti di gara, giocata in 3 contro 5, altri due Avalanche (tra cui Salo per slashing!) riescono a collezionare due penalita’ minori.
Finisce cosi’, con il tabellone che indica cinque gol dalla parte della squadra di casa, e quattro nomi nella colonna dei penalizzati della squadra ospite.
Se il clima non cambia, Sabato, in gara 2, ne vedremo delle belle…