Asiago-Milano gara 3: il commento

Di Arturo Bragagna

Con un’ottima prestazione l’Asiago s’impone 3-1 sul Milano, sfatando il tabù-Odegar nelle serie di finale con la squadra milanese, che durava da gara 2 della scorsa stagione.
La due squadre si presentano sul ghiaccio al completo e con lo stesso line-up di gara 2, eccezion fatta per la prima linea asiaghese che ripresenta Giorgio de Bettin accanto a Cirone e Bortolussi, riportando Topatigh in terza con i due lettoni.
Dopo una fase iniziale di studio, è il Milano ad avere due ghiotte occasioni da rete durante il primo powerplay della serata, concesso dal capo-arbitro Pianezze per un fallo di Topatigh, ma due splendidi interventi di Gravel su Sjogren e Wells, negano il vantaggio al team di coach Insam.
Al minuto 12.42 la squadra di casa si porta in vantaggio: un passaggio centrale di Marchetti permette a Tuzzolino di entrare nel terzo, eludere il ritorno di un difensore milanese e battere Muzzatti con un tiro in diagonale.La reazione milanese è tutta in una discesa di Beattie in contropiede al 16esimo, il suo passaggio per Wells è perfetto, ma Gravel è bravo a sventare la minaccia sul tiro dell’attaccante milanese.In chiusura di tempo Topatigh ha l’occasione del raddoppio, ma il suo tiro, da buonissima posizione, è alto sopra la traversa a Muzzatti battuto.

L’inizio del secondo periodo è tutto di marca asiaghese e, dopo un tiro a lato del falco di Gallio, al minuto 3.35 Cirone sorprende Muzzatti per il raddoppio della squadra di casa con un tiro dalla blu. La reazione milanese produce solo un tiro di Cowie, mentre gli attaccanti giallorossi sfiorano la terza marcatura con un diagonale di Scandella largo di poco. Al minuto 15.49 arriva la rete milanese che riapre la partita: una bella combinazione Felicetti-Chitarroni permette a Leo Insam di battere Gravel con potente diagonale. In finale di periodo la squadra di coach Bordeleau dispone di un paio d’occasioni per rimpinguare il bottino, ma il secondo drittel si conclude sul punteggio di 2-1 e con il Milano che perde Wells per infortunio.
In apertura del terzo tempo, l’Asiago dispone di un powerplay per chiudere la partita: Jason Cirone ha il disco del 3-1 solo davanti a Muzzatti ma il suo tiro in back finisce a lato.Al settimo minuto arriva la terza meritata rete asiaghese che chiude la partita: Strazzabosco tira dalla blu, Muzzatti respinge e l’ex capitano milanese Bortolussi è il più lesto ad arrivare sul disco e infilare l’estremo difensore rossoblu. La reazione del Milano è inesistente e il risultato non cambierà più fino alla sirena finale.

Tags: