Asiago – Milano: intervista a Lucio Topatigh

di Ste’

Hockeytime:"Forse il primo gol a freddo, anche grazie all’infortunio di Gravel, ha inevitabilmente condizionato la partita?"
Lucio Topatigh:"Si, e devo dire che anche lo stesso Gravel ha perso un po’ di fiducia, comunque la serie é ancora molto lunga. Ovvio che dispiaccia perdere in casa però quello che é successo stasera fa parte dell’hockey. Lo scorso anno noi vincevamo a Milano e viceversa era saltato il fattore campo, comunque ripeto la serie é ancora lunga, nulla é ancora perso."

HT:"I portieri saranno fondamentali in questa serie, vedi altri fattori oppure potranno essere solo degli episodi ad assegnare lo scudetto?"
LT:"Si i portieri, ma soprattutto la condizione fisica. Come ti dicevo la serie é molto lunga e chi riuscirà a risparmiare più energie potrà arrivare al successo. Noi però dobbiamo cambiare mentalità di gioco e soprattutto imparare ad essere più furbi e non a volte farci saltare, come stasera, per voler prendere il disco a tutti i costi."

HT:"Asiago però a dimostrato una cosa ques’anno, cioé che con una difesa tutta Italiana si può arrivare in finale."
LT:"Abbiamo pochi transfer, la società si é mossa bene sul mercato e abbiamo tanti giocatori Italiani che giocano e bene, da qui la dimostrazione che a volte non serve comprare tanti stranieri."

Grazie al Falco di Gallio e alla società Asiago Hockey A.S.