Milano – Merano: intervista a Enio Sacilotto

di Carlo Palazzolo:

HT: Un commento sulla partita: si pensava ad un collasso dopo gara 2 ed invece il Merano ha dato il massimo mettendo, in alcuni casi, in crisi il Milano.
ES: Penso che abbiamo lottato nelle due ultime partite, in gara 1 abbiamo giocato abbastanza bene solo che non abbiamo avuto fortuna comunque abbiamo dato di più in gare 2 e 3. Sono comunque orgoglioso dei ragazzi perché abbiamo lottato contro il “grande Milano”.

HT: Si è visto un primo periodo combattuto; soltanto quel gol fortunoso ha permesso al Milano di sbloccare il risultato.
ES: Si infatti, nel primo tempo abbiamo giocato molto chiusi ed attenti in difesa per concedere pochi spazi agli avversari. Era l’unico modo per noi di poter giocare con un’attenta difesa. Purtroppo però quel gol ha cambiato le carte in tavola.

HT: Adesso che la sua stagione è conclusa è contento di quello che ha fatto il suo Merano oppure ha qualche rammarico.

ES: No, sono arrivato ai primi di novembre e la squadra era un po’ in crisi all’undicesimo posto. Abbiamo lottato e sistemato un po’ le cose e siamo andati bene raggiungendo l’obbiettivo della società che era entrare nelle prime otto.
Ma poi sono iniziati un po’ di problemi dovuti anche alla sfortuna. C’è stata una serie di partite in cui abbiamo giocato veramente bene ma alla fine abbiamo perso. Una serie di infortuni importanti (Pavlu ed Ansoldi) ci ha poi condizionato non poco; se aggiungi la “fuga” di Cardarelli si può sicuramente dire che una linea di attacco è venuta a mancare.
Certamente i giovani inseriti hanno giocato bene ma certe assenze hanno pesato molto nella seconda fase ed i risultati non sono certamente stati quelli che mi aspettavo. Alla fine, nei playoff, ci siamo scontrati con il Milano e le possibilità erano tutte a nostro sfavore quindi – obbiettivamente – non potevo chiedere di più.

HT: Ora che è tutto finito quali sono i suoi programmi futuri, resterà alla guida del Merano?
ES: Adesso valutiamo tutto il campionato appena concluso e poi farò una riunione con il presidente; deciderà lui cosa è meglio per la squadra.

Un ringraziamento alla società HC Merano ed all’allenatore per la sua disponibilità