Milano – Merano: intervista al Capitano dei Vipers, Scott Beattie

di Ste’, foto di Carola:

Hockeytime: "Ti vedo contento per il passaggio del turno, come giudichi queste prime 3 gare?"
Scott Beattie: "Siamo ovviamente contenti per aver passato questo primo turno di playoff. Abbiamo giocato bene tutte e 3 le partite. Poi il nostro goalie é incredibile, abbiamo 40 tiri ad ogni partita e lui praticamente c’é sempre".

HT: "Credo sia stato fondamentale il recupero di tutto il roster?"
SB: "Si, adesso abbiamo tutti gli effettivi a disposizione, 4 linee d’attacco e la difesa completa e in questo momento del campionato conta molto".

HT: "Cortina ha sorprendentemente battuto Bolzano, chi preferiresti delle due in semifinale?"
SB: "(ride) mi piace giocare al Palaonda, é un bell’impianto, per me comunque é uguale chi troveremo".

HT: "Quali saranno le armi in più del Milano in questi playoff?"
SB: "L’esperienza, tanta esperienza, quella che negli ultimi 2 anni ci ha fatto vincere lo scudetto. Poi Jason sa fare la differenza, queste ritengo siano le nostre armi in più rispetto alle altre squadre".

HT: "I nostri lettori staranno già scalpitando per la domanda più importante. Cosa farai il prossimo anno?"
SB: "Non lo so".

HT:"Visto che parliamo di loro cosa pensi di questi tifosi, i tuoi tifosi?"
SB: "Mai visti tifosi così, li vedi anche tu…cosa puoi dire, sono meravigliosi e non solo qui dentro, loro sono tifosi anche fuori, sono qualcosa di più, degli amici. Milano era così anche 10 anni fa non cambierà mai saranno sempre il 7° uomo in campo".

HT: "Sei arrivato negli anni migliori dell’hockey Italiano, hai visto il tracollo e adesso sei ancora qui, potrà esserci una rinascita?"
SB: "Sta’ crescendo, anche i playoff dello scorso anno sono stati di buon livello. Quest’anno la seconda fase e adesso i playoff sono veramente buoni, peccato per la prima fase, però non saprei forse anche quella andava fatta per dare la possibilità ai giovani Italiani di mettersi in mostra".

HT: "Come vedi la Nazionale, soprattutto in previsione Olimpica?"
SB: "Bisogna fare qualcosa di speciale essendo organizzatori. Molto però dipende dal campiopnato, con delle squadre di buon livello costruisci una Nazionale forte".

HT: "Qualcuno é venuto a cercarti per chiederti di rivestire la maglia del Blue Team?"
SB: "Non é più il mio business, non gioco più per la nazionale, poi sapete tutti i problemi personali che ho in Canada con la mia famiglia, quando sarà finito il campionato tornerò subito da loro. Poi per i prossimi mesi si vedrà…".

HT: "..per un tuo ritorno a Milano?"
SB:"(ride) mah…non lo so".

Grazie a Scott Beattie e all’HCJ Milano Vipers per la disponibilità.

Tags: