Anni 30

Decenni: 20 | 30 | 40 | 50 | 60 | 70 | 80 | 90 | 2000intro

Di Tony Puma

1930/31 MILANO

(L’H.C. Milano Campione d’Italia)

In questa stagione le squadre partecipanti sono sei e come l’anno precedente vengono suddivise in due gironi. Non viene disputato lo spareggio per accedere alla finale, ma il titolo verrà conteso tra le due vincenti di ogni gruppo, mentre le seconde disputano la finale per il terzo posto.

Le finali vengono giocate a Milano dal 6 al 9 febbraio 1931.

Il regolamento prevede che le partite eliminatorie e la finale per il terzo posto si svolgano in tre tempi da 15 minuti, mentre la finale in tre tempi da 20 minuti. Arbitrano Dino Verzi di Cortina e Luigi Redaelli di Milano.

Le squadre partecipanti al Girone A sono:

Milano I: Calcaterra – Botturi – De Mazzeri – Venosta – Scotti – Baroni – Iscaki – Mussi.

Ortisei: Paur – Walpoth – Hofer – Taibon – Noflaner – Paur II – Schmalzl – Maac.

Varese: Rossi – Bedei – Piana – Bombaglio – Genolini – Piantanida – Aletti – Bombaglio I.

Girone B:

Cortina: Zardini I – Apollonio – Zambelli – Zardini II – De Zanna I – Zampieri – De Zanna II – Lux – Maioni.

Milano II: Scotti – De Bernardi – Schlacht – Dionisi – Benni – Medri – Trovati – Marazza – Valerio – Gerosa.

Excelsior Milano: Gianariotto – Morandi – Chiesa – Redegalli – Signorini – Sommariva – Fusi – Mugli I – Mugli II.

Questi i risultati delle eliminatorie.

Girone A: Ortisei – Varese 5-0; Milano I – Ortisei 12-0; Milano I – Varese 16-0.

Classifica Girone A: 1) Milano I 2) Ortisei 3) Varese.

Girone B: Milano II – Excelsior Milano 5-0; Cortina – Excelsior Milano 10-0; Cortina – Milano II 4-0

Classifica Girone B: 1) Cortina 2) Milano II 3) Excelsior Milano.

09/02/1931 Milano:

Finale per il terzo posto:

Milano II – Ortisei 3-1

Marcatori: 0-1 Matt; 1-1 Camillo Mussi; 2-1 Camillo Mussi; 3-1 Schlacht.

Finale:

Milano I – Cortina 6-1 (3-0; 1-1; 2-0)

Arbitro: Luigi Redaelli

Marcatori: 6’ pt Gianni Scotti (1-0 con un tiro rapido da sei metri a metà altezza) – 10’ pt Gianni Scotti (2-0 su preciso passaggio di Luigi Venosta) – 13’ pt Gianni Scotti (3-0 con un tiro lentissimo raso terra, parato da Roberto Zardini ma scivolato sul bastone, entra nella gabbia) – 2’st De Zanna (3-1 con un’azione individuale) – Gianni Scotti (4-1 ancora con un perfetto passaggio di Luigi Venosta) – 6’ tt Guido Botturi (5-1 con un’azione travolgente) – 18’ Luigi Venosta (6-1 dribblando tre uomini).

Formazione Campione d’Italia: Gianmario Baroni – Guido Botturi – Enrico Calcaterra – Tino De Mazzeri – Ernesto Iscaki – Camillo Mussi – Gianni Scotti – Luigi Venosta.

1931/32 CORTINA

(La squadra del Cortina Campione d’Italia)

La formula del Campionato prevede due gironi eliminatori; quello Occidentale, nel quale sono inserite Excelsior Milano, Ambrosiano Milano, Milano II e Valentino Torino e quello Orientale con Cortina, Cortina II e Ortisei.

Nel girone Occidentale le vincenti delle gare della prima giornata si incontrano per designare chi sfiderà, ad Alleghe, la vincente del Girone Orientale e dunque accedere alla finalissima contro Milano, Campione d’Italia in carica.

In quello Orientale è previsto un girone all’italiana.

La prima giornata, giocata il 17/01/1932, regala subito delle sorprese. Nel Girone Occidentale il Valentino Torino è costretto a ritirarsi per l’indisposizione di due giocatori e permette a Milano II di approdare allo spareggio.

Excelsior-Ambrosiano è sospesa a pochi secondi dal termine per una contestazione al gol del pareggio dell’Ambrosiana con conseguente invasione di campo da parte del pubblico. La gara viene ripetuta il 19/01/1932.

Di seguito le partite con risultati, marcatori, arbitri e formazioni.

Girone Occidentale:

19/01/1932 – Milano

Excelsior Milano – Ambrosiano Milano 2-1

Marcatori: Mugli II (E) – Codognato (E) – Bordoni (A)

Arbitro: Francesco Roncarelli

Excelsior: Capra – Sommariva – Muggli I – Muggli II – Codognato – Fusi – Redegalli – Gianolini

Ambrosiano: Gerosa – Tedeschi – Signorini – Arnoldi – Bordoni – Schlacht

20/01/1932 – Milano

Milano II – Excelsior Milano 2-1 (0-1; 0-0; 1-0; 0-0; 0-0; 1-0)

Marcatori: Redegalli (E) – 12’ tt Benni (M) – Trovati II

Arbitro: Francesco Roncadelli

Milano II: Scotti II – Redaelli – Carlassare – Medri – Benni – Marazza – Trovati II – Valerio.

Excelsior Milano: Capra – Sommariva – Muggli I – Muggli II – Codognato – Redegalli – Fusi – Bruciamonti

Milano II allo spareggio.

Girone Orientale

19/01/1932 – Cortina

Cortina II – Ortisei 4-0 (1-0; 2-0; 1-0)

Marcatori: Maioni – autogol Ortisei – Maioni – Franceschi

Formazione Cortina II: Silvestro Franceschi – Ernesto Franceschi – Bellodi – Maioni – Bellodi – Maioni – Valerio De Zanna – Bigotina – Bertagnoli – Costantini

20/01/1932 – Cortina

Cortina – Ortisei 10-0

20/01/1932 – Cortina

Cortina – Cortina II 2-1

Classifica: 1) Cortina 2) Cortina II 3) Ortisei

Cortina allo spareggio

24/01/1932 – Alleghe

Cortina – Milano II 0-0 (dopo 3 supplementari)

Arbitro: Dino Verzi di Cortina

Cortina: Roberto Zardini – Zambelli – Rinaldo Zardini – Francesco De Zanna – Leo Menardi – Eraldo De Zanna – Apollonio – Maioni – Franceschi.

Milano II: De Bernardi – Scotti II – Carlassare – Trovati II – Redaelli – Medri – Benni – Valerio – Galassi.

26/01/1932 – Cortina

Ripetizione

Cortina – Milano II 7-0 (2-0; 2-0; 3-0)

Arbitro: Dino Verzi di Cortina

Marcatori: 5’ pt Zanoletti – 12’ Francesco De Zanna – 3’ st Francesco De Zanna – 13’ st Leo Menardi – Francesco De Zanna – Leo Menardi – Egidio Apollonio.

Cortina: Roberto Zardini – Gigi Zambelli – Rinaldo Zardini – Francesco De Zanna – Leo Menardi – Eraldo De Zanna – Egidio Apollonio – Rinaldo Bigottina.

Milano II: Levi – Scotti – Carlassare – Trovati II – Redaelli – Medri – Benni – Valerio.

07/02/1932 – Cortina

Finale

Cortina – Milano 2-1 (0-0; 1-0; 1-1)

Arbitro: Giorgio Baroni.

Marcatori: 10’ st Leo Menardi (1-0 su passaggio di Rinaldo Zardini) – 10’ tt Venosta (1-1) – 13’ tt De Zanna (2-1).

Formazione Milano: Alberto De Bernardi – Francesco Roncarelli – Gianmario Baroni – Gianni Scotti – Ignazio Dionisi – Luigi Venosta – Benni – Schlacht – Tino De Mazzeri

In una giornata di sole, la finale vede la partecipazione di numerose personalità e di un’eccezionale affluenza di pubblico.

Il gioco espresso dalle due squadre è mediocre. Il Milano non si è fatto apprezzare per l’impegno, nonostante la vittoria del Cortina sia meritata. La prova incolore dei milanesi è da imputare all’assenza di uomini chiave come Enrico Calcaterra, Guido Botturi e Decio Trovati; inoltre sei giocatori del Milano erano giunti da Milano in auto solo nella nottata.

Al termine della gara, il pubblico invade il campo e porta in trionfo i vincitori, che hanno giocato con cuore e slancio ammirevoli. Il successo premia la loro tenacia e la loro volontà.

Formazione Campione d’Italia: Egidio Apollonio – Rinaldo Bigontina – Eraldo De Zanna – Francesco De Zanna – Guido Franceschi – Leo Menardi – Gigi Zambelli – Rinaldo Zardini – Roberto Zardini.

1932/33 MILANO

(HC Milano)

Il format del Campionato prevede due gironi eliminatori. Le vincenti si incontrano per decidere chi contenderà in due gare il titolo di Campione d’Italia al Cortina.

Girone Occidentale – Formazioni:

Milano: Calcaterra – Trovati (cap) – Baroni – Venosta – Scotti Dionisi – Medri – De Mazzeri – Mussi

Milano II: Gerosa – Schlacht – Carlassare – Trovati (cap.) – Benni – Marazza – Medri – Arnoldi – Maiocchi – Valerio

Excelsior Milano: Whitehouse – Muggli I – Fusi (cap.) – Bassi – Sommariva – Muggli II – Bruciamonti – Codognato – Colombi

Valentino Torino: Vecchi – Sasserno – Perini – M. Arnoldi – Cantatore (cap.) – Patruno – Lanza – Grassi – Corti

14/01/1933 Milano

Milano II – Valentino Torino 11-0 (3-0; 2-0; 6-0)

Milano – Excelsior Milano 12-1 (3-0; 4-1; 5-0)

Arbitri: Ignazio Dionisi e Luigi Redaelli.

Marcatori: Gianni Scotti (6) – Luigi Venosta (4) – Camillo Mussi (2) – Codognato (E)

Milano – Milano II

Milano accede alla finale delle eliminatorie causa forfait del Milano II

Girone Orientale – Formazioni:

Renon: Ruedl – Drescher – Mesch – Menestrina – Ebner – Lux – Gamber – Moser

Ortisei: R. Schmalzl – Noflaner – Walpoth – Moroner – F. Schmalzl – Prinoth – Obletter.

15/01/1933 Ortisei

Ortisei – Renon 0-5 (0-2; 0-2; 0-1)

Arbitro: Roberto Haager

Marcatori: Mesch – Menestrina – Mesch – autogol Schmalzl – Menestrina

Renon accede alla finale delle eliminatorie.

19/01/1933 – Milano

Finale delle eliminatorie

Milano – Renon 11-0

Marcatori: Luigi Venosta (4) – Gianni Scotti (3) – Camillo Mussi (2) – Decio Trovati (1) – Gianmario Baroni (1)

Milano in finale.

15/02/1933 – Cortina d’Ampezzo

Finale di andata

Cortina – Milano 0-3 (0-2; 0-1; 0-0)

Arbitro: Marcello Menardi di Cortina

Marcatori: 6’ pt Gianni Scotti – 10’ pt Camillo Mussi – Luigi Venosta

Gara dominata dalla formazione meneghina, nonostante un calo nel terzo periodo chepermette ai padroni di casa di portarsi all’attacco.

12/03/1933 – Milano

Finale di ritorno

Milano – Cortina 5-0 (2-0; 2-0; 1-0)

Arbitro: Giorgio Baroni

Marcatori: 9’ pt Camillo Mussi (1-0) – 10’ pt Decio Trovati (2-0 discesa solitaria)– 14’ st Luigi Venosta (3-0 con un tiro a mezza altezza su passaggio di Gianmario Baroni) – 14’20” st Gianni Scotti (4-0) – 4’ tt (5-0 marcatore non indicato).

I giocatori del Milano conducono la gara con decisione. Il portiere ampezzano Roberto Zardini mostra eccellenti doti di tempista ed evita un punteggio più largo malgrado la squadra veneta disputi una buona gara.

Formazione Campione d’Italia: Gianmario Baroni – Tino De Mazzeri – Ignazio Dionisi – Augusto Gerosa – Giampiero Medri – Camillo Mussi – Gianni Scotti – Decio Trovati – Luigi Venosta – Enrico Calcaterra.

1933/34 MILANO

(Le formazioni del Milano e del Cortina)

Nel dicembre 1933, l’Excelsior Milano cambia denominazione in Diavoli Rossoneri Milano e diventa la sezione hockeystica del Milan Football Club.

Il regolamento del campionato prevede che il Milano, Campione d’Italia, accede direttamente alla finale, mentre le altre formazioni iscritte devono affrontarsi in partite ad eliminazione diretta.

Il Bardonecchia è costretto a dichiarare forfait e permette ai Diavoli Rossoneri di vincere 5-0 a tavolino e passare il turno.

Risultati:

18/02/1934 Cortina

Cortina – Diavoli Rossoneri Milano II 1-0

Arbitro: Rinaldo Zardini

18/02/1934 Ortisei

Ortisei – Renon 1-2 (0-0; 1-1; 0-1)

Marcatori: 11’ st Ebner (0-1) – 14’ st Moroder (1-1) – marcatore non indicato (1-2).

Ortisei: Schmalze – Noflaner – Walpoth – Moroder – Hofer – Demetz

Renon: Ruedl – Imech – Drescher – Menestrina – Lux – Ebner – Gamper

22/02/1934 Milano

Milano II – G.U.F. (Giovani Universitari Fascisti) Torino 8-1 (4-0; 3-0; 1-1)

Arbitri: Cove e Francesco Roncarelli.

Marcatori primo tempo: Timpano (2) – Colombi – Mussi . Secondo tempo: Taccani (2) – Dionisi

Terzo tempo: Colombi – Lanza (T)

Dopo le prime eliminatorie, i nuovi accoppiamenti sono Cortina-Renon e Diavoli Rossoneri Milano – Milano II.

24/02/1934 Milano

Cortina – Renon 4-1 (1-0; 1-1; 2-0)

Arbitri: De Mazzeri – Achille Trovati

Marcatori: 4’ pt Egidio Apollonio (1-0) – 9’ st Lux (1-1) – 12’ st Rinaldo Bigotina (2-1) – 2’tt De Zanna (3-1) – 3’ autorete (4-1)

Cortina: Di Pol – Bellodis – Bardini – Apollonio – Bigontina – De Zanna – Franceschi – Maioni – Zampieri

Renon: Ruedl – Zampir – Mecht – Ganger – Drexer – Ebner – Menestrina – Lux

25/02/1934 Milano

Diavoli Rossoneri Milano – Milano II 2-0 (1-0; 0-0; 1-0)

Arbitri: Achille Trovati e Francesco Roncarelli

Marcatori: Gianni Scotti – Decio Trovati

Diavoli Rossoneri: Capra – Trovati – Carlassare – Marazza – Arnoldi – Zucchini – Pellegrini – Scotti – Muggli II

Milano II: Calcaterra – Timpano – Benni – Dionisi – Galassi – Mussi – Signorini – Medri – Colombi

Cortina e Diavoli Rossoneri Milano si incontrano per decidere chi deve sfidare Milano per la conquista dello scudetto.

26/02/1934 Milano

Cortina – Diavoli Rossoneri Milano 4-2 (2-0; 2-1; 0-1)

Marcatori: 1’ pt Maioni (1-0); De Zanna (2-0); Egidio Apollonio (3-0); De Zanna (4-0); Mario Zucchini (4-1); 3’ tt Decio Trovati (4-2)

A causa del ghiaccio non sufficientemente solido a Cortina, entrambe le finali vengono giocate a Milano il 6 e il 7 marzo.

06/03/1934 Milano

Cortina – Milano 0-2 (0-0; 0-2; 0-0)

Arbitri: Verzi e Baroni

Marcatori: 6’ st Camillo Mussi; 14’ st Ignazio Dionisi

Milano: Gerosa – Baroni – Rossi – Dionisi – De Mazzeri – Mussi – Roncarelli – Medri – Venosta

Cortina: Di Pol – Bellodis – Zardini – Apollonio – Bigotina – De Zanna – Zampieri – Maioni – Franceschi

Vittoria non facile per il Milano, nonostante alla vigilia si pensasse il contrario. Il Cortina ha adottato la stessa tattica utilizzata nelle eliminatorie, tirando da tutte le posizioni; Augusto Gerosa, il portiere dei milanesi si è dimostrato sicuro e preciso.

Gli ampezzani, anche se hanno impressionato soprattutto per la resistenza di alcuni suoi uomini, come De Zanna ed Egidio Apollonio, hanno dovuto cedere, nel secondo periodo, alle reti di Camillo Mussi e Ignazio Dionisi.

Il terzo tempo il gioco risultava vivace, ma disordinato con una leggera prevalenza dei neri meneghini.

07/03/1934 Milano

Milano – Cortina 4-1 (2-0; 0-0; 2-1)

Arbitri: Verzi e Baroni

Marcatori: 4’ pt Ignazio Dionisi (1-0); 12’ pt Tino De Mazzeri (2-0); tt Tino De Mazzeri (3-0); 9’ tt Maioni (3-1); 11’ tt Francesco Roncarelli (4-1)

Il Milano vince anche la seconda gara di finale e si riconferma Campione d’Italia.

Il gioco dei padroni di casa è stato vivace e brillante e ha permesso di superare il Cortina con più facilità, nonostante quest’ultimi abbiano confermato le buoni doti di combattenti di razza. In evidenza il portiere degli ospiti.

Formazione Campione d’Italia: Gianmario Baroni – Tino De Mazzeri – Ignazio Dionisi – Augusto Gerosa – Giampiero Medri – Camillo Mussi – Francesco Roncarelli – Franco Rossi – Luigi Venosta – Enrico Calcaterra.

1934/35 DIAVOLI ROSSONERI MILANO

(Mario Zucchini)

Date le numerose squadre iscritte al Campionato, la F.I.S.I. decide di dividere il torneo in Serie A e Serie B.

Nella massima serie le formazioni ammesse sono: Milano, Diavoli Rossoneri Milano e Cortina.

La serie cadetta è suddivisa in due gironi. Nel primo sono iscritte le squadre del Bardonecchia, Torino, Milano II e Diavoli Rossoneri Milano II. Nel secondo, invece, Cortina II, Bolzano, Ortisei e Renon.

La formula del Campionato prevede che le squadre di Serie B si affrontino in gare ad eliminazione diretta e che le vincenti dei due gironi accedano in finale per conquistare la promozione in Serie A.

Dopo diverse defezioni da parte di alcune società di Serie B (Bardonecchia, Torino, Ortisei e Renon), questo torneo viene vinto dal Milano II che nella ripetizione della finale (la prima gara si è conclusa con un pareggio per 1-1) supera i Diavoli Rossoneri Milano II per 2-0 con reti di Signorini e Galassi. Questa vittoria permette ai neri di conquistare la Coppa F.I.S.I. e di lottare per la conquista del tricolore.

In un primo momento le finali sono previste a Cortina e le gare devono essere disputate tra il 27 febbraio e il 1° marzo, ma la mancanza di ghiaccio adeguato costringe a giocarle a Milano presso il Palazzo del Ghiaccio dal 2 al 4 marzo.

Dopo questa decisione, il Cortina dichiara forfait e in lizza rimangono solo le tre squadre meneghine che disputano un girone all’italiana.

02/03/1935

Diavoli Rossoneri Milano – Milano II 2-0 (2-0; 0-0; 0-0)

Arbitri: Grant e Foley

Marcatori: 5’30” pt Mario Zucchini (1-0); 13’ pt Gianni Scotti (2-0)

Diavoli Rossoneri Milano: De Bernardi – Carlassare – Zucchini – Dionisi – Pellegrini – Scotti – Maiocchi – Marazza – Bruciamonti

Milano II: Calcaterra – Signorini – Benni – Fabris I – Taccani – Fabbris II Galassi – Rota – Bordoni

La prima partita è scialba a causa della svogliatezza degli attaccanti dei Diavoli Rossoneri e dall’abilità della difesa del Milano II, soprattutto di Enrico Calcaterra. Le reti sono state messe a segno al 5’30” con Mario Zucchini che sfrutta uno sbandamento collettivo della difesa. Al 13’ Gianni Scotti raddoppia con un tiro deviato da Benni nella propria gabbia che spiazza Enrico Calcaterra.

03/03/1935

Milano – Milano II 11-0 (3-0; 4-0; 4-0)

Arbitri: Grant e Foley

Marcatori: Venosta; Timpano; Rossi; De Mazzeri; Venosta; De Mazzeri; Rossi

Milano: Calcaterra – Baroni – Rossi – Timpano – De Mazzeri – Venosta – Taccani – Medri

Milano II: Mascheroni – Talamona – Benni – Bordoni – Alaimo – Fabris II – Rota – Galassi

Gara di allenamento, nella quale non giocano per Milano Mussi e Gerosa.

04/03/1935

Diavoli Rossoneri – Milano 2-1 (0-0; 1-1; 1-0)

Arbitri: Grant e Foley

Marcatori: 14’ st Gianni Scotti (1-0); 14’20” st Tino De Mazzeri (1-1); 13’30” tt Giorgio Pellegrini (2-1)

Milano: Gerosa – Baroni – Rossi – De Mazzeri – Mussi – Venosta – Timpano – Signorini – Medri

Il primo tempo della gara decisiva per la conquista dello scudetto è caratterizata dalla superiorità dei Diavoli Rossoneri e dalla bravura di Augusto Gerosa, ma il periodo si chiude sullo 0-0. La seconda frazione è più equilibrata; al 14’ Gianni Scotti realizza l’1-0 dopo un’azione velocissima con Mario Maiocchi e Giorgio Pellegrini, ma Tino De Mazzeri dopo venti secondi pareggia con un’azione personale. Nel terzo le squadre badano a non scoprirsi. Al 13’30” Giorgio Pellegrini, in mischia, tira, Augusto Gerosa para senza far presa e il disco entra in rete. Dopo il secondo vantaggio dei rossoneri, la gara si vivacizza nel finale, quando i neri nel tentativo di recuperare il risultato aumentano le azioni di attacco rischiando di subire altre reti; infatti si registrano anche quattro interventi consecutivi di Augusto Gerosa.

Formazione Campione d’Italia: Egidio Bruciamonti – Franco Carlassare – Alberto De Bernardi – Ignazio Dionisi – Mario Maiocchi – Giorgio Pellegrini – Gianni Scotti – Mario Zucchini.

1935/36 DIAVOLI ROSSONERI MILANO

(I Diavoli Rossoneri)

In questi anni, con l’avvento del regime fascista e a seguito delle sanzioni applicate dalla Società degli Stati (ora ONU) per aver invaso l’Etiopia, viene adottata la politica autarchica. A livello linguistico, tutto ciò porta all’italianizzazione di tutte le parole straniere; l’Hockey Club Milano cambia la propria denominazione in Associazione Disco su Ghiaccio, mentre il Cortina da Hockey Club ad Associazione Sportiva Ghiaccio. Con la fine della Seconda Guerra Mondiale, alcune società torneranno alla denominazione originale.

Il Campionato è caratterizato dai ritiri di quasi tutte le partecipanti. La formula è la stessa della stagione precedente: serie cadetta divisa in due gironi (occidentale e orientale) e vincenti che si affrontano per conquistare l’accesso in Serie A dove ad attenderla ci sono Diavoli Rossoneri Milano, Milano e Cortina.

La disputa della fase finale è assegnata a Milano, perché è l’unica località ad avere una pista artificiale, mentre le altre piste, come quelle di Cortina, non danno sufficienti garanzie per lo svolgimento delle gare, in quanto le giornate di ghiaccio veramente buone sono limitate; questo problema non favorisce l’attività delle squadre e la propaganda di questo sport.

In Serie B, il girone orientale è vinto dal Cortina II, mentre quello occidentale è conteso dalle formazioni cadette di Milano e Diavoli Rossoneri Milano a causa dei ritiri di Bardonecchia e Torino. I neroazzuri dell’ADG Milano hanno la meglio sui cugini con un perentorio 6-1 e possono sfidare Cortina II per la conquista della promozione della Serie A, ma la squadra ampezzana comunica il forfait delle sue formazioni. A questo punto la Federazione decide che la finale sia disputata tra le prime squadre dell’ADG Milano e Diavoli Rossoneri Milano. L’ADG Milano ha delle difficoltà e minaccia il ritiro, ma dopo due rinvii, la Federazione decide che la gara venga disputata il 17 marzo.

Come per i precedenti campionati, alla finale non possono partecipare i giocatori stranieri.

17/03/1936.

Diavoli Rossoneri Milano – Milano 1-0 (0-0; 0-0; 1-0)

Arbitri: Signorini e Poirier

Marcatore: 6’ tt Carlo Zucchini

Milano: Calcaterra; De Mazzeri; Rossi; Mussi; Venosta; Lux; Timpano; Fabris P.; Fabbris A.

Nel primo periodo, i Diavoli Rossoneri appaiono subito aggressivi e più tecnici, ma Milano contrappone un eccellente gioco di tamponamento e vivaci contrattacchi. Nel secondo tempo gli arbitri sono poco sereni ed imparziali (entrambi rappresentano le due società), soprattutto dopo i tafferugli nati dopo l’ennesima espulsione ai danni di Mario Zucchini. Ma la partita continua e mette in evidenza le qualità di Enrico Calcaterra che in numerose occasioni salva il risultato.

A chiudere l’incontro ci pensa Luigi Zucchini che, al 6’ della terza frazione di gioco, batte Calcaterra dopo una serratta mischia.

Formazione Campione d’Italia: Egidio Bruciamonti – Ignazio Dionisi – Augusto Gerosa – Mario Maiocchi – Aldo Marazza – Gianni Scotti – Decio Trovati – Carlo Zucchini – Mario Zucchini.

1936/37 A. D. G. MILANO

Il format del campionato viene completamente stravolto. Per dare la possibilità ai più giovani di partecipare al Campionato, la Federazione suddivide il torneo in due Gironi; Girone A a carattere nazionale e Girone B regionale. Inoltre dispone il seguente regolamento: prendono parte al Girone A le società che iscrivono tre formazioni, con caratteristiche elencate più avanti, mentre faranno parte del Girone B quelle che iscriveranno una sola formazione.

Le società partecipanti al Girone A devono iscrivere tre formazioni e devono terminare il Campionato con tutte e tre le compagini. Se nel corso del torneo una squadra abbandona la serie di partite iniziate, la società cui appartiene la squadra perde ogni diritto di classifica. I rimanenti incontri potranno essere portati a termine in via amichevole dopo l’intesa tra le società interessate. I requisiti delle tre formazioni sono:

Prima squadra . Fanno parte i giocatori federati che non possono far parte della seconda e terza squadra. Solo in caso di forza maggiore e su decisione della F.I.S.I., alla prima squadra, potranno aderire non più di due giocatori di seconda squadra.

Seconda squadra : di essa fanno parte tutti i giocatori, salvo gli olimpionici, i rappresentanti di squadra nazionali di gare all’estero ed i partecipanti alle finali di campionato nazionale assoluto.

Terza squadra : fanno parte i soli giocatori che non abbiano mai preso parte a gare approvate dalla F.I.S.I. e di età non superiore ai 23 anni.

Per quanto riguarda il punteggio, alla prima squadra, in caso di vittoria viene assegnato un punto, ad ogni seconda squadra due punti e ad ogni terza, tre punti.

Per determinare il vincitore del Campionato, si sommeranno i punteggi delle tre formazioni; in caso di parità verrà disputata la finalissima tra e due terze delle società.

Le gare sono disputate a Milano, presso il Palazzo del Ghiaccio nelle serate del 3 e 4 marzo e le iscritte sono solo due: Diavoli Rossoneri Milano e Milano.

Nella prima giornata di campionato, la Federazione nega l’autorizzazione a D’Apollonia (giocatore dei Diavoli Rossoneri) di scendere sul ghiaccio a causa della sua posizione irregolare, ma i dirigenti rossoneri affermano il contrario e che senza questo giocatore non avrebbero disputato la gara di campionato. A questo punto, visto il numeroso pubblico accorso, i Diavoli Rossoneri e il Milano si accordano per disputare un’amichevole che termina 2-1 per l’ADG Milano. Preso atto del rifiuto, il Direttorio Provinciale Milanese della F.I.S.I decreta il 5-0 a tavolino a favore del Milano, e stabilisce che le partite successive tra le due società hanno solo valenza amichevole. Tale decisione è presa applicando immediatamente il regolamento, ma l’ufficialità spetta alla Presidenza della Federazione dopo un ulteriore esame dei fatti. A questo punto la classifica vede Milano con un punto e Diavoli Rossoneri a zero.

Le formazioni delle prime squadre.

Milano: Calcaterra – De Mazzeri – Rossi – Fabris P. – Mussi – Timpano – Lux – Venosta – Signorini.

Diavoli Rossoneri: Gerosa – Bestagini – Bruciamonti – Dionisi – Marazza – Scotti – Pellegrini – D’Apollonia.

I risultati della seconda giornata sono i seguenti:

Milano II – Diavoli Rossoneri II 3-2 (0-0; 2-1; 0-1; 1-0; 0-0)

Milano II: Gandini – Talamona – Sommariva – Fabris A. – Taccani – Bordoni – Rota – Codognato – Finzi.

Diavoli Rossoneri II: Mongini – Mara – Bestagini – Bassi – Levi – Taroni – Brambilla – Mussi – Boriosi.

Arbitri: Hug e Hirtz (Svizzera)

Marcatori: 4’ st Talamona (1-0); 5’ st Taccani (2-0); 8’ st Bassi (2-1); 6’ tt Mara (2-2); 3’pts Fabris (3-2)

Milano III – Diavoli Rossoneri III 1-0 (1-0; 0-0; 0-0)

Milano III: Zoppegni – Butti – Saldini – Mattea – Mainoldi – Florio – De Mazzeri II – Columella – Formenti

Diavoli Rossoneri III: Galletti – Brucianti – Longoni – Gualdi – Cesana – Inzana – Monti – Rotti E. – Santambrogio

Marcatore: 1’ pt Columella (1-0)

Classifica finale: Milano p.ti 6; Diavoli Rossoneri 0

Il Milano conquista lo scudetto, vincendo tutte le partite. La Federazione ratifica quanto deciso in precedenza dal Direttorio Provinciale Milanese della F.I.S.I.

Formazione Campione d’Italia: Enrico Calcaterra – Carlo De Mazzeri – Piero Fabris – Hans Lux – Camillo Mussi – Franco Rossi – Carlo Signorini – Giuseppe Timpano – Luigi Venosta.

1937/38 A. M. D. G. MILANO

Dopo un accurato esame della situazione dell’hockey su ghiaccio milanese, date le difficoltà di coesistenza di due formazioni e dell’insufficiente disponibilità della pista per entrambe, il Presidente della F.I.S.I., l’Onorevole Renato Ricci, il 7 ottobre 1937, costituisce una nuova società con elementi della A.D.G. Milano e dei Diavoli Rossoneri che viene denominata Associazione Milanese Disco su Ghiaccio Milano. Il Presidente è Gianni Albertini, mentre i vicepresidenti sono il Cavaliere Annoni e Cavaliere Biraghi, già dirigenti delle due società appena sciolte. Come allenatore viene scelto il canadese Jim Foley. Questa nuova società è alle dirette dipendenze della Federazione e i suoi scopi sono quelli sono di pubblicizzare l’hockey su ghiaccio e di formare i giovani in vista delle Olimpiadi del 1940 (mai disputate a causa degli eventi bellici). Per quest’ultimo motivo, non è possibile tesserare giocatori stranieri.

La formula del Campionato prevede delle eliminatorie per accedere alla Serie B, nella quale è già iscritta la formazione del Cortina. Le partite della serie cadetta sono ad eliminazione diretta; le perdenti si contendono la conquista del terzo posto, mentre le vincenti si aggiudicano l’accesso in Serie A e il diritto di sfidare la prima squadra dell’A.M.D.G. Milano per la conquista del tricolore. Le gare di Serie B e la finale scudetto sono disputate al Palazzo del Ghiaccio di Milano.

Eliminatorie:

Asiago – 09/02/1938

Asiago – Nord Torino 0-3

Arbitro: Rigoni di Asiago

Bolzano – 10/02/1938

Renon – Gardena Ortisei 1-0

Marcatore: 8’ tt Pernistick

Gara annullata e rigiocata a Milano il 15/02/1938

Milano – 13/02/1938

A.M.D.G. Milano II – G.U.F. Milano 3-1 (1-0; 0-0; 0-1; 0-0; 2-0)

Marcatori: pt autorete (1-0); tt Levi (1-1); Giorgio Pellegrini (2-1); Giorgio Pellegrini (3-1)

Milano – 15/02/1938

Gardena Ortisei – Renon 3-1

Gli accoppiamenti dei sorteggi sono: Cortina–Gardena Ortisei e Nord Torino-A.M.D.G. Milano II.

Risultati:

16/02/1938

Cortina – Gardena Ortisei 4-0 (2-0; 0-0; 2-0)

Cortina: Di Pol – De Zanna – Alverà – Rinaldo Bigontina – Colli – Zardini R. – Zardini S. – Egidio Apollonio – Ghisetti

Gardena Ortisei: Ploner – Nosflaner – Kasslater – Shmalzl I. – Demetz – Shmalzl II – Senorer – Galler – Alton

Arbitri: Gerosa e Calcaterra

Marcatori: 1’ pt De Zanna; 12’ pt Rinaldo Bigontina; 2’ tt Alverà; 10’ De Zanna.

A.M.D.G. Milano II – Nord Torino 6-0 (2-0; 4-0; 0-0)

A.M.D.G. Milano II: Cesana – Franco Carlassare – Curami – D’Apollonia – Giorgio Pellegrini – Luigi Bestagini – Piero Fabris – Giuseppe Timpano – Arnaldo Fabris

Nord Torino: Ferreccio – Cantatore – Fiorio – Corti – Prat – Grassi – Lanza – Garelli

Arbitro: Jim Foley

Marcatori: 4’30” pt Giuseppe Timpano; 10’ pt Giorgio Pellegrini; 3’30” st Giorgio Pellegrini; 8’ st Piero Fabris; 10’30” st Luigi Bestagini; 13’ st D’Apollonia.

17/02/1938

Finale 3-4 posto:

Nord Torino – Gardena Ortisei 2-1 (0-0; 0-1; 2-0)

Finale 1-2 posto e accesso alla finale scudetto:

A.M.D.G. Milano II – Cortina 6-0 (2-0; 3-0; 1-0)

18/02/1938

Finale:

A.M.D.G. Milano – A.M.D.G. Milano II 5-3 (1-2; 1-1; 3-0)

A.M.D.G. Milano II: Costanzo Mongini – Franco Carlassare – Curami – D’Apollonia – Giorgio Pellegrini – Luigi Bestagini – Piero Fabris – Arnaldo Fabris – Giuseppe Timpano

Arbitro: Jim Foley

Marcatori: 4’ pt Luigi Bestagini (0-1); pt Arnaldo Fabris (0-2); 12’ pt Prati (1-2); 1’ st Prati (2-2); 5’ st autorete Hans Lux (2-3); 5’ tt Carlo De Mazzeri (3-3); 8’ tt Prati (4-3); tt Franco Rossi (5-3).

La squadra cadetta resiste per due tempi a quella titolare, ma con un superbo terzo tempo, quest’ultimi riescono a ribaltare il risultato.

Nella prima frazione di gioco, la seconda formazione dell’A.M.D.G. si porta in vantaggio di due gol, grazie a Luigi Bestagini e Arnaldo Fabris, ma Prati riesce a ridurre lo svantaggio, prima, e pareggiare dopo appena sessanta secondi. Al 5’, dopo una mischia davanti ad Augusto Gerosa, Hans Lux, con un’autorete, porta in vantaggio la seconda squadra. Nel terzo periodo, dopo una mischia, Jim Foley fischia l’ingaggio che viene vinto da Carlo De Mazzeri che realizza il gol del 3-3. Prati, all’8’, porta in vantaggio la formazione titolare con un gol a porta vuota. L’ultimo punto è realizzato da Franco Rossi che realizza, in contropiede, il gol del definitivo 5-3.

Formazione Campione d’Italia: Gianmario Baroni – Egidio Bruciamonti – Enrico Calcaterra – Carlo De Mazzeri – Hans Lux – Prati – Camillo Mussi – Franco Rossi – Carlo Signorini – Luigi Venosta .

1938/39 CAMPIONATO NON DISPUTATO

(Diavoli Nero Azzurri)

La stagione 1938/39 si apre a novembre con la fondazione di una nuova società di hockey voluta dal Presidente della squadra di calcio dell’A.S. Ambrosiana-Inter, Grandufficiale Fernando Pozzani: i Diavoli Nerazzurri.

Con la nuova Società si vuole creare un nuovo vivaio milanese, inoltre allo scopo di preparare al meglio gli atleti alle Olimpiadi del 1940 (che come già scritto non vengono disputate a causa degli eventi bellici), il Presidente dei Diavoli Nerazzurri propone alla Federazione, che accetta, di rilevare i titolari dell’A.M.D.G. Milano. L’allenatore di entrambe le formazioni meneghine è il canadese Green.

Alla fine dello stesso mese viene reso noto il regolamento del nuovo campionato il cui inizio, in un primo momento, è fissato per l’1 gennaio 1939, ma che successivamente viene annullato. Al suo posto la F.I.S.I. organizza la Coppa del Federale che vede la partecipazione delle due formazioni milanesi; il regolamento recita che la Coppa venga assegnata definitivamente alla formazione che riuscirà a vincere due edizioni, anche se non consecutivamente. Per l’edizione di questa stagione sono previste due gare con eventuale terza di spareggio.

23/02/1939

A.M.D.G. Milano – Diavoli Nerazzurri 2-1 (0-1; 2-0; 0-0)

A.M.D.G. Milano: Costanzo Mongini – Antonio Prete – Giuseppe Timpano – Ontario Venturi – Leo Gasparini – Piero Fabris – Otello D’Apollonia – Giorgio Pellegrini – Arnaldo Fabris – Taccani

Diavoli Nerazzurri: Augusto Gerosa – Carlo De Mazzeri – Franco Rossi – Ignazio Dionisi – Otto Rauth – Egidio Bruciamonti – Camillo Mussi – Dino Innocenti – Luigi Bestagini

Arbitri: Green (Canada) e Mario Maiocchi

Marcatori: pt Dino Innocenti (0-1); 1’ st Antonio Prete (1-1); 4’ Otello D’Apollonia (2-1)

01/03/1939

Diavoli Nerazzurri – A.M.D.G. Milano 2-1 (2-0; 0-1; 0-0)

Diavoli Nerazzurri: Augusto Gerosa – Carlo De Mazzeri – Franco Rossi – Ignazio Dionisi – Otto Rauth – Luigi Venosta – Camillo Mussi – Dino Innocenti – Egidio Bruciamonti – Luigi Bestagini

A.M.D.G. Milano: Costanzo Mongini – Antonio Prete – Giuseppe Timpano – Ontario Venturi – Leo Gasparini – Arnaldo Fabris – Otello D’Apollonia – Giorgio Pellegrini – Taccani – Piero Fabris

Arbitri: Decio Trovati e Mario Maiocchi

Marcatori: 9’ pt Luigi Venosta (1-0); 12’ pt Dino Innocenti (2-0); 12’ st Giorgio Pellegrini

23/03/1939

Diavoli Nerazzurri – A.M.D.G. Milano 3-1 (1-0; 1-0; 1-1)

Diavoli Nerazzurri: Augusto Gerosa – Carlo De Mazzeri – Franco Rossi – Ignazio Dionisi – Otto Rauth – Egidio Bruciamonti – Camillo Mussi – Dino Innocenti – Luigi Venosta

A.M.D.G. Milano: Costanzo Mongini – Giuseppe Timpano – Antonio Prete – Ontario Venturi – Leo Gasparini – Arnaldo Fabris – Otello D’Apollonia – Giorgio Pellegrini – Piero Fabris

Arbitri: Strauli e Hug (Svizzera)

Marcatori: 6’ pt Otto Rauth (1-0); 4’ st Egidio Bruciamonti (2-0); 6’ tt autorete Piero Fabris (3-0); 9’ tt Ontario Venturi (3-1)

I Diavoli Nerazzurri si aggiudicano la prima Coppa del Federale.

1939/40 CAMPIONATO NON DISPUTATO

(La formazione dell’A.M.D.G. Milano che ha affrontato l’I.C.L.T.K. Praga, da sinistra: Rossi, Federici, Bestagini, De Mazzeri, Zoppegni, Bruciamonti, A. Fabris, Innocenti, Mussi e l’arbitro Talamona )

Il 7 novembre 1939, durante la seduta del Direttorio milanese della F.I.S.I., si inaugura la nuova stagione hockeystica. Inoltre, a causa della difficile situazione internazionale, vengono prese alcune decisioni. La mancanza di personale direttivo e di atleti richiamati alle armi, induce la Federazione ad assorbire le attività delle due formazioni di Milano, A.M.D.G. e Diavoli Nerazzurri, senza che queste vengano sciolte, fino a quando le condizioni non tornino favorevoli ad un’attività amministrativa autonoma e indipendente.

Sono una sessantina circa i giocatori che aderiscono all’invito della Federazione di riprendere l’attività agonistica; tra questi segnaliamo Augusto Gerosa, anche se limitatamente, Dino Innocenti, rimpatriato dalla Svizzera e Decio Trovati, che per motivi di lavoro si trovava in Africa da tre anni. Ai primi di gennaio si aggrega anche Umberto Federici, giovane italiano di scuola svizzera, proveniente dal Davos.

Sono costretti a rinunciare Otello D’Apollonia e Giorgio Pellegrini, a causa dei loro impegni professionali a Venezia dove risiedono; Ignazio Dionisi si ritira dall’attività hockeystica. Otto Rauth, anche lui residente nella Confederazione Elvetica, decide di giocare questa stagione nelle file del Basilea. Ontario Venturi, Antonio Prete e Leo Gasparini preferiscono rimanere nei loro paesi di residenza all’estero.

Con gli atleti a disposizione vengono create quattro squadre di cui una Allievi. La Federazione affida le varie formazioni a Carlo De Mazzeri (prima squadra), Giuseppe Timpano (la seconda) e ad Egidio Bruciamonti (la terza e gli Allievi), dopo aver cercato invano un allenatore straniero, soprattutto canadese.

Non viene organizzato nessun campionato, ma per la formazione di Milano sono previste delle gare internazionali con squadre svizzere ed ungheresi.

Per utilizzare i commenti alla storia del campionato o parte di essi, è necessario chiedere l’autorizzazione con una email a info@hockeytime.net e citare la fonte. Grazie.

Si ringrazia il Sig. Edoardo Ranzoni dell’Ufficio Stampa FISG e Claudio Nicoletti (www.milanosiamonoi.com) per la gentile collaborazione.

Le foto appaiono per gentile concessione di:
IIHF – SIHSS Swedish Icehockey Historical and Statistical Society – Società laPavoni S.p.A. – HC Bolzano – Mastini Varese Hockey – SG Cortina – Alex del Fanclub Fanatics HCM – HC Gherdeina – Asiago Hockey AS – HC Merano – HCJ Milano Vipers – Ritten Sport Hockey – Pete Walch (www.panthershistory.co.uk).