DEL: il Monaco espugna l’Eissporthalle di Iserlohn

di Jacopo Bravi e Giuseppe Poli

del_germania3Sfida di metà classifica quella di ieri sera fra gli Iserlohn Roosters e i Red Bull München. Padroni di casa che arrivano a questa sfida dopo la sconfitta patita ii quel di Dusseldorf 4-1 domenica scorsa. Ospiti anch’essi alla ricerca dei 3 punti dopo il 3-0 casalingo subito nell’ultima giornata dal Colonia. 3000 spettatori presenti alla Eissporthalle di Iserlohn. I galli partono con il favore del pronostico (nonostante gli scontri diretti vedano i bavaresi avanti 7-5) in quanto miglior squadra della lega con l’uomo in più e in grado di schierare nelle proprie linee uomini del calibro di Martin Sertich (16 p) e Mike York (14 p) che rientrano attualmente nella Top 3 degli scorer.

Partono forte i tori di coach Pagè che dopo nemmeno due minuti di gioco hanno già l’occasione di portarsi in vantaggio con un veloce contropiede 3 contro 2 ben congegnato ma mal concluso. Non tarda però ad arrivare il vantaggio per il Monaco quando, al minuto 4:10, Toni Ritter deve solo spingerla dentro, a conclusione di un’azione solitaria di Daniel Richmond che ne salta due sulla destra come birilli e assiste perfettamente il compagno al centro. Supremazia totale in zona neutra per gli ospiti in questo primo periodo di gioco. Reazione casalinga nel finale con il pressing dei biancoblù che riescono inaspettatamente a trovare il pareggio; al 18:22 Michael Wolf con la “deflection” su tiro indirizzato in porta di Mulock che beffa Reimer. 1-1 al primo intervallo.

Si ricomincia sulla falsa riga del primo con i Red Bull a creare gioco e con i Rooster che si affidano alle folate in contropiede. Da un disco in balaustra, Jeffrey Giuliano lavora bene il forcheck per Iserlohn, lo riconquista e lo cede a Dusan Frosch che, da posizione defilata, tira verso la porta. Reimer non vede partire il disco e i galli ribatano il risultato al minuto 4:22. Il gol da coraggio agli uomini di Doug Mason che rendono molto più difficile il compito al München di liberare con facilità il proprio terzo difensivo. Come successo nella prima frazione, chi è sotto e arranca trova il pareggio in prossimità della sirena. Minuto 18:43, grave errore di Brennan che cicca il disco mancando la liberazione e lo consegna ad Alexander Barta che fulmina Lange sulla “glove side”. 2-2 al secondo riposo.

In una partita già strana e rocambolesca di suo, succede di tutto nell’ultima frazione. München riprende in mano la gara con il gol di Daniel Sparre. Poi al primo powerplay della serata, i Roosters pareggiano sempre con Frosch. Al minuto 11:07 i padroni di casa si riportano avanti con il solito Mike York. Passa poco più di un minuto e i Red Bulls la ripareggiano con Thomas Merl che, nel traffico, è lesto a raccogliere il disco per primo e depositarlo in rete. Ma non finisce qui perché 1 minuto e 20 secondi più tardi gli ospiti trovano l’ennesimo sorpasso, ancora con Barta, in powerplay, dopo un’azione tutta di prima di Ritter e Urbas. Nel finale assalto disperato di Iserlhon che ha due ghiotte occasioni con il proprio goalie in panca, ma nemmeno il 6 contro 5 per quasi due minuti regala ai galli il pareggio.

Negli altri match di giornata brutta sconfitta dei Wild Wings di Mair contro lo Straubing, mentre nell’incontro per non occupare l’ultimo posto in classifica, rialza la testa il Berlino vincendo, a domicilio, contro l’Amburgo, 3 a 2 il risultato finale. Nuova sconfitta per la capolista, Thomas Sabo Ice Tigers, che cede in casa sotto i colpi del Krefeld, 1 a 2, con il vantaggio del Norimberga grazie alla rete di Reimer in superiorità nel primo drittel. Gli ospiti salgono in cattedra nel terzo e prima trovano il pareggio con Blank al 45.08 e al 53.42 realizzano il goal partita con Fischer, in powerplay. Il Norimberga mantiene ancora la testa della classifica, ma ora i punti di vantaggio sono solo tre sul Colonia, 6 a 2 contro l’Augsburger Panther, e quattro sulla coppia Krefeld e Mannheim, 3 a 2 contro il Wolfsburg, rete partita al 7.10 del terzo tempo di Hecht. Infine il Düsseldorf perde con l’ERC Ingolstadt; avanti 2 a 0, reti di Bostrom e Olimb, in 1.13 alla fine del primo tempo, si fa raggiungere dagli avversari, goal di Oblinger e Laliberte. Al ritorno sul ghiaccio dopo il primo intervallo, l’ERC passa in vantaggio con Boucher e consolida il risultato a 3″ dalla sirena finale con ancora Laliberte.

La DEL ritorna su ghiaccio domenica 20 ottobre con il big match Krefeld-Adler, e con lo Schwenninger che ospita l’ERC Ingolstadt; partita importante anche all’Olympiahalle di Monaco, dove i padroni di casa ospiteranno i campioni in carica del Berlino.

Risultati venerdì 18 ottobre

Iserlohn Roosters vs EHC Red Bull München 4-5

Adler Mannheim vs Grizzly Adams Wolfsburg 3-2

Straubing Tigers vs Schwenninger Wild Wings 4-1

Kölner Haie vs Augsburger Panther 6-2

Düsseldorfer EG vs ERC Ingolstadt 2-4

Thomas Sabo Ice Tigers vs Krefeld Pinguine 1-2

Eisbären Berlin vs Hamburg Freezers 3-2

Classifica: Thomas Sabo Ice Tigers 29, Kölner Haie 26, Krefeld Pinguine e Adler Mannheim 22, ERC Ingolstadt 21, Grizzly Adams Wolfsburg 19, Straubing Tigers 15, Schwenninger Wild Wings e EHC Red Bull München 14, Iserlohn Roosters, Eisbären Berlin, Düsseldorfer EG e Augsburger Panther 13, Hamburg Freezers 12

Prossima giornata Domenica 20 Ottobre

Krefeld Pinguine – Adler Mannheim

Hamburg Freezers – Straubing Tigers

Iserlhon Rooster – Thomas Sabo Ice Tigers

Schwenninger Wild Wings – ERC Ingolstadt

Grizzly Adams Wolfsburg – Kölner Haie

Augsburger Panther – Düsseldorfer EG

EHC Red Bull München – Eisbären Berlin