Serie A2: vincono Caldaro, Pergine e Gherdeina

(da LIHG.IT)

HC Appiano Sarah – Sv Caldaro Rothoblaas 1-2 (1:0, 0:2, 0:0)

Appiano senza gli infortunati Alex Rottensteiner, Patrick Wallenberg e Stefan Unterkofler, mentre sono regolarmente presenti sia Fabian Ebner che Jan Waldner in dubbio alla vigila. Il Caldaro, dal canto suo, è al gran completo. I gialloblù possono subito usufruire di un powerplay a favore, ma non riescono a passare. I Lucci sembrano dunque poter reggere la maggior pressione dei padroni di casa, anche se al 15.36 devono capitolare, sotto il colpo di Fabian Ebner. La sosta permette comunque ai ragazzi di Sandlin di riordinare le idee e così, alla ripresa delle ostilità, gli ospiti riescono a ribaltare la situazione. Il pareggio è opera di Alex Andergassen, mentre il sorpasso lo firma Patrick Gius al 30.55. L’uno-due taglia le gambe ai Pirati, che tornano a proporsi con una certa pericolosità solo nel terzo tempo. Il Caldaro, in ogni caso, resiste ai tentativi avversari, conservando la rete di vantaggio sino al suono della terza sirena.

Appiano Sarah: Mark Demetz (Alex Tomasi), David Ceresa, Fabian Ebner, Matthias Eisenstecken, Lukas Martini, Jake Newton, Peter Stimpfl, Johannes Weger; Tobias Ebner, Tuomo Harjula, Jan Waldner, Alex Jaitner, Philipp Jaitner, Daniel Peruzzo, Philipp Platter, Robert Raffeiner, Tobias Spitaler. Coach: Jarno Mensonen

SV Caldaro Rothoblaas: Daniel Morandell (Martino Valle Da Rin), Thomas Waldthaler, Adrian Marzoner, Lukas Schweigkofler, Steve Pelletier, Markus Kofler, Leonhard Rainer, Alex Giovannini; Matias Loppi, Patrick Thomaser, Brian Belcastro, Raphael Andergassen, Alex Andergassen Patrick Gius, Thomas Pichler, Lorenz Röggl, Michael Felderer, Manuel Gamper, Alex Tauferer, Markus Siller. Coach : Thomas Sandlin

Reti: 1:0 Fabian Ebner (15.36), 1:1 Alex Andergassen (27.23), 2:1 Patrick Gius (30.55)

 

HC Merano Pircher – HC Gherdeina 1-3 (0:0, 0:2, 1:1)

Per l’attesa sfida di Merano, i padroni di casa presentano a difesa della gabbia Philipp Kosta, si rivede pure Michael Stocker, mentre manca lo  squalificato Stefan Kobler. Nel Gherdeina manca sempre il solito Fabio Kostner. Il match propone due squadre che si equivalgono: la prima frazione scappa così via senza che si registrino variazioni nel punteggio iniziale. Bisogna così attendere sino alla seconda metà del periodo centrale perché la situazione si sblocchi. A passare sono i ladini, che insaccano al 34.34 con Oliver Schenk. Passa poco più di un minuto e, in situazione di powerplay, Ryan Gaucher mette dentro il disco del raddoppio. I bianconeri faticano a reagire ed è così che al 43.20 a segnare sono ancora i ragazzi di Prior, i quali vanno a referto anche con Rupert Stampfer. La risposta delle Aquile è decisamente tardiva e si concretizza nella realizzazione della bandiera che avviene al 59.26 per merito di Daniel Rizzi.

HC Merano Pircher: Philipp Kosta (Massimo Quagliato); Jan Mair, Daniel Valgoi, Viktor Wallin, Philipp Beber, Danny Elliscasis; Michele Ciresa, Max Ansoldi, Julian Schwienbacher, Taggart Desmet, Thomas Mitterer, Stefan Palla, Daniel Rizzi, Patrick Cainelli, Davide Turrin, Michael Stocker, Michael Guarise, Daniel Frank. Coach: Doug Mckay

HC Gherdeina: Florian Grossgasteiger (Giancarlo Kostner), Benjamin Bregenzer, Ryan Gaucher, Fabian Costa, Fabrizio Senoner, Simone Vinatzer, Gabriel Lang, Marco Senoner, Rupert Stampfer, Joel Brugnoli, Mitch Stephens, Gabriel Vinatzer, Kevin Senoner, Ivan Demetz, Benjamin Kostner, Oliver Schenk, Davide Holzknecht, Gabriel Senoner, Aaron Pitschieler. Coach: Gary Prior

Reti: 0:1 Oliver Schenk (34.34), 0:2 Ryan Gaucher (35.57), 0:3 Rupert Stampfer (43.20), 1:3 Daniel Rizzi (59.26)

 

Ev Bozen 84 Groupon – Hockey Pergine Sapiens 3-4 d.t.r. (2:1, 1:1, 0:1, 0:0, 0:1)

L’Ev Bozen rinuncia ancora in difesa a Christian Fabbretti, nel Pergine out lo squalificato Alberto Meneghini. La partenza da parte dei padroni di casa è di quelle lanciate. I ragazzi di Carrol si rendono immediatamente pericolosi sotto porta, portandosi in vantaggio al 5.24 con Philipp Grandi. Nemmeno dopo la realizzazione si arresta la pressione offensiva dei bolzanini, che porta al raddoppio, nella seconda metà del tempo, realizzato da Stanislav Jasecko. A 6 secondi dalla sirena le Linci tornano in scia, affidandosi a Davide Mantovani. Per gran parte del secondo tempo non accade nulla di significativo, ma le battute conclusive dello stesso risultano emozionanti: Franz Josef Plankl allunga per i suoi al 38.06, mentre sull’altro fronte a tener vive le aspirazioni del Pergine, ci pensa Troy Barnes al 39.57. Il risicato vantaggio dell’EV Bozen sembra comunque poter bastare, almeno sino al 58.03, momento in cui la doppietta personale di Try Barnes porta la contesa all’overtime. Il supplementare non serve a trovare un vincitore, che esce allora dai rigori: il penalty che decide la sfida in favore dei trentini è di Pontus Moren.

Ev Bozen Groupon: Thomas Commisso (Federico Tesini); Stanislav Jasecko, Matteo Lotti, Matthias Albarello, Luca Franza, Roland Battisti; Oliver Schenk, Dylan Stanley, Thomas Unterfrauner, Philipp Grandi, Nicolò Pace, Simon Obexer, Christian Timpone, Daniele Da Ponte, Hannes Hölzl, Franz Josef Plankl, Alexander Pancheri, Lorenzo Piccinelli, Paolo Widmann. Alex Tava. Coach: Fred Carroll

Pergine Sapiens: Marcello Platè (Daniele Facchinetti); Troy Barnes, Fabio Rigoni, Alessandro Ambrosi, Andrea Strazzabosco; Pontus Moren, Alessandro De Polo, Devid Piffer, Alberto Virzi, Riccardo Tombolato, Davide Mantovani, Lino De Toni, Andrea Meneghini, Marco Demattio, Denny Deanesi, Luca Mattivi, Davide Conci. Coach: Marco Liberatore

Reti: 1:0 Philipp Grandi (5.24), 2:0 Stanislav Jasecko (14.28), 2:1 Davide Mantovani (19.54), 3:1 Franz Josef Plankl (38.06), 3:2 Troy Barnes (39.57), 3:3 Troy Barnes (58.03), 3:4 Pontus Moren (rigore decisivo)

 

Tags: